Cronaca

La Polizia spegne 162 candeline, torna la festa

Accanto al Questore Enzo Mangini c’erano il prefetto Umberto Guidato e le maggiori autorità civili, militari e religiose del capoluogo jonico


Torna la festa della polizia. Stamattina presso la questura di via Palatucci, alla presenza del prefetto Umberto Guidato e delle maggiori autorità civili e militari e religiose della provincia ionica, è stato  celebrato il 162°  anniversario della fondazione della Polizia di Stato.

Per i poliziotti la manifestazione è un importante momento di incontro, attraverso il quale rinnovare l’impegno della Polizia di Stato a garanzia dei diritti e delle libertà dei cittadini, premessa indispensabile per lo sviluppo sociale ed economico del Paese.

“Anche quest’anno la festa è improntata a criteri di sobrietà, come da indicazioni fornite a livello centrale in ordine alle celebrazioni degli anniversari delle Forze Armate e dei Corpi Armati e non Armati dello Stato – ha detto il questore Enzo Mangini-  e’ un segno dei nostri tempi, gravidi di difficoltà e contraddistinti da ridotte risorse. Ma il rigore della forma nulla toglie alla solennità dell’anniversario; l’importante ricorrenza merita di essere celebrata con orgoglio come momento di riflessione sul ruolo della Polizia di Stato nel contesto della società civile, sul significato del nostro impegno e sul valore dei nostri sacrifici. Una Polizia che, ricordo, secondo i criteri ispiratori della legge di riforma dell’Amministrazione della P.S., è chiamata ad esercitare le proprie funzioni al servizio delle istituzioni democratiche e dei cittadini, sollecitandone la collaborazione.

“Esserci sempre” : questo è il tema celebrativo  che il capo della Polizia, prefetto Alessandro Pansa ha indicato quest’anno per la ricorrenza, al fine di sottolineare la continuità della nostra Istituzione, dalla sua fondazione ai giorni nostri, al di là dei vari assetti organizzativi di volta in volta assunti in relazione ai diversi momenti storici.In occasione dell’anniversario si è soliti tracciare un bilancio dell’attività operativa sviluppata nel corso dell’anno. E’ stato ancora una volta un periodo di grande impegno per la Polizia – ha proseguito- che, mantenendosi in sintonia con le altre forze dell’ordine, ha conseguito in questa provincia lusinghieri risultati in diversi settori dell’attività istituzionale. Particolarmente incisiva l’azione condotta sul piano della tutela dell’ordine pubblico, ambito nel quale la puntuale attuazione dei vari servizi e l’accorta opera di mediazione sviluppata sul campo sono valsi a contenere nell’ambito della tollerabilità democratica le manifestazioni di protesta”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche