30 Luglio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 29 Luglio 2021 alle 07:04:16

Cronaca

Taranto Container terminal, chiesta la proroga della cassa

Continua la fase di ‘ristrutturazione’. Lo strumento sarà rivolto a 530 unità per 12 mesi a partire dal 28 maggio. La società conferma gli investimenti


Taranto Container terminal, chiesta la proroga della cassa integrazione straordinaria per un anno a partire dal prossimo 28 maggio.

A darne notizia sono i sindacati di categoria che ieri hanno partecipato presso gli uffici provinciali del settore “Controversie collettive” alla consultazione per la proroga della Cigs per ristrutturazione per 530 unità lavorative per la durata di 12 mesi.

“Dopo una lunga e approfondita discussione – fanno sapere i segretari Oronzo Fiorino (Filt Cgil) Francesco Tursi (Fit Cisl) e Carmelo Sasso (Uiltrasporti) – le parti hanno concordato di chiedere la proroga per l’intervento di Cigs per ristrutturazione aziendale iniziata il 28 maggio 2012 a valle del processo di infrastrutturazione connesso agli investimenti pubblici previsto dall’accordo finalizzato allo sviluppo dei traffici containerizzati nel porto di Taranto e al superamento dello stato di emergenza socio economico ambientale”.

“La Taranto container terminal SpA  – si può leggere  inoltre nella nota sindacale congiunta –  dopo aver illustrato le ragioni della necessitata rimodulazione temporale dell’avviata ristrutturazione per effetto dei ritardi nelle realizzazioni infrastrutturali di competenza della Pubblica Amministrazione ed oggetto degli impegni assunti nel citato accordo ha confermato la volontà di procedere al completamento degli investimenti programmati ed avviati in esecuzione delle intese, al fine di rendere il terminal competitivo e coerente con le esigenze tecnico funzionali imposte dal mercato, condizione essenziale per la salvaguardia del complesso aziendale”.

Il prossimo passaggio sarà un incontro nel quale verranno definite intese per il rilancio dell’attività del terminal in materia di produttività, organizzazione del lavoro e verifica dei coefficenti di presenza. Le parti verificheranno trimestralmente l’attuazione del piano di ristrutturazione e la gestione della Cigs.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche