10 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 10 Maggio 2021 alle 07:32:34

Cronaca

Indotto dell’Arsenale, sciopero e corteo

Giovedì la manifestazione dei lavoratori muoverà da via Di Palma per raggiungere la sede di Confindustria in via Dario Lupo


Chiedono dignità per le proprie famiglie. I lavoratori dell’indotto Arsenale porteranno per strada tutta la loro “esasperazione”. La decisione arriva al termine dell’assemblea che si è tenuta in mattinata davanti ai cancelli dello stabilimento di via Di Palma.

Le segreterie territoriali Fim, Fiom e Uilm hanno riunito i lavoratori per discutere della problematica occupazionale dell’indotto: giovedì 22 ci sarà una manifestazione con sciopero dalle 7 alle 12. L’iniziativa è legata anche all’incertezza nell’affidamento di nuove risorse sulle manutenzioni navali. Il corteo partirà alle 8 dal piazzale antistante l’Arsenale e percorrerà via Leonida, viale Virgilio e via Dario Lupo, con presidio dei lavoratori sotto la sede di Confindustria.

Le stesse sigle di categoria hanno evidenziato le grosse difficoltà vissute dalle famiglie degli ex lavoratori dell’Appalto, fuori dal 2005. Una quarantina su una platea iniziale di oltre trecento operai. “Stanno assumendo pensionati e giovani, ma loro restano fuori con gravi problematiche” ha denunciato Piero Berrettini, della Fim Cisl, dando voce alle proteste dei lavoratori riuniti davanti ai cancelli.

“Lo Stato pretende che le bollette siano pagate, pur essendo esso stesso responsabilmente incapace di trovare soluzioni occupazionali per questi lavoratori, nonostante le proposte avanzate” hanno evidenziato i segretari di Fim, Fiom e Uilm. 

Sotto accusa finisce anche l’associazione degli industriali: “Dopo l’incontro avuto con l’ammiraglio Boldrini e le funeste notizie ricevute e il disinteressamento di Confindustria sull’accordo di Bacino” le segreterie hanno deciso di mettere in piedi la mobilitazione partita questa mattina con l’assemblea.

Il momento clou sarà però il corteo in programma per giovedì: i lavoratori dell’appalto sfileranno in corteo fino alla sede di Confindustria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche