Cronaca

Processo “Shylock” per usura, il Pm chiede il conto

Requisitoria del sostituto procuratore Maurizio Carbone nel procedimento che vede alla sbarra quattordici persone


Processo antiusura “Shylock”: il pm Maurizio  Carbone chiede il conto.

Oggi la requisitoria nel procediment che vede alla sbarra 14 persone tra le quali il 53enne tarantino Luciano Donati ritenuto il capo della presunta organizzazione  di “cravattari” smantellata da Guardia di Finanza.

Furono eseguite 13 ordinanze di custodia cautelare per associazione per delinquere dedita all’usura, all’estorsione e al riciclaggio .
In sette  finirono in carcere e sei ai “domiciliari”.

Scattarono anche numerose perquisizioni, a carico di altri indagati  e sequestri di quote societarie, disponibilità finanziarie e beni per svariati milioni euro.

I provvedimenti, emessi dal gip del Tribunale di Taranto su richiesta del pm Maurizio Carbone, furono notificati nelle province di Taranto, Bari, Brindisi e Lecce.

Nei guai anche dipendenti di banca che, secondo quanto accertato  durante le indagini, sarebbero intervenuti  sia nella fase di negoziazione dei titoli di credito emessi sia in quella dell’acquisizione di informazioni privilegiate sul conto della clientela.

Elemento di spicco della presunta associazione per delinquere, come detto, Luciano Donati, che era già agli arresti domiciliari per precedenti inchieste (maxitruffa ai danni di banche e società finanziarie nel 2005 e ordinanze per usura ed estorsione ai danni di una quindicina gli imprenditori tra titolari di autoconcessionarie, ditte di trasporto, imprese edili e gelaterie nel gennaio 2010).

Un giro di usura con prestiti senza busta paga a persone in serie difficoltà economiche con tassi di interesse fino al 120% annuo.
Le vittime che non riuscivano a pagare secondo l’accusa  venivano minacciate e subivano  pesanti ritorsioni.

Nel corso delle indagini, grazie alle intercettazioni telefoniche, gli investigatori hanno anche sventato una rapina ai danni di un commerciante che si apprestava a versare una ingente somma di denaro.

Oggi, quindi, il sostituto procuratore che ha coordinato le indagini, il dottor Maurizio Carbone,  presenterà il conto sul vorticoso giro di usura che ha fatto finire nel mirino  commercianti e imprenditori in gravi difficoltà finanziarie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche