28 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 28 Settembre 2021 alle 21:49:00

Cronaca

Il Moscati avrà il reparto di Oncoematologia pediatrica

Lo prevede il piano regionale della salute


Stop ai viaggi della speranza. Taranto – l’ospedale Moscati – avrà il reparto di Oncoematologia pediatrica. E’ previsto nel nuovo piano regionale. E si passerà da una fase intermedia, dai tempi decisamente più brevi, che porterà ad un primo nucleo all’ospedale Nord composto da un pediatra e quattro infermieri.

L’annuncio arriva dall’Ail.

Il presidente della sezione tarantina, Paola D’Andria, firma insieme al presidente Arciragazzi, Ada Mele, una nota in cui si spiega: ““Quando ci siamo trovati a raccogliere per anni il grido di dolore di tanti genitori di bambini affetti da patologie oncoematologiche, quando abbiamo condiviso i loro disagi perché costretti a curarsi fuori dalla nostra città, quando abbiamo visto i  medici e gli infermieri della nostra Ematologia sovraccaricarsi anche dell’onere di curare i bambini  i cui genitori non potevano proprio affrontare la spese di un ricovero lontano, abbiamo cercato di dare risposte “a modo nostro”, con la modalità tipica di due associazioni.

Partendo dalla convinzione che, un bambino che entra in ospedale non porta con sè solo la sua malattia, ma il suo essere bambino con i suoi desideri, i suoi giochi, i suoi sogni e bisogni, abbiamo pensato di organizzare degli spazi che lo facessero sentire accolto in un ambiente caldo, confortevole e a sua misura. Abbiamo arredato, nell’Ematologia del Moscati, una cameretta di degenza, una baby room e una stanza sterile e abbiamo messo Casail a disposizione delle famiglie dei  bambini della provincia”.

Ma non bastava; “tanti, troppi bambini erano e sono ancora costretti ai viaggi della speranza, aggiungendo al dramma della malattia, il disagio di lunghi periodi di lontananza da casa. E allora abbiamo pensato che era il momento di farci portavoce di questo grande bisogno che è il potersi curare nella propria città. Ma a questo punto i compagni di viaggio dovevano aumentare, dovevamo sollecitare la parte politica ad accompagnarci in questa sacrosanta richiesta”.

Le associazioni ricordano di aver trovato come compagna di viaggio la consigliera regionale Anna Rita Lemma; il suo “è stato un sì immediato, seguito da un impegno tangibile che ci ha portato, in brevissimo tempo, al coinvolgimento dell’ assessore Regionale alla Salute, dr.ssa Elena Gentile, pediatra, e al suo impegno che ha previsto nel nuovo piano regionale il Reparto di Oncoematologia Pediatrica a Taranto. Si penserà che i tempi sono lunghi, che c’è la campagna elettorale e…chissà! Diciamo subito che questa volta non è così; il treno prevede una tappa intermedia che si può raggiungere in brevissimo tempo: avremo, intanto, un primo nucleo allocato al Moscati con un Pediatra e 4 Infermieri. E poi, ne siamo sicuri, andremo dritti verso la nostra meta”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche