x

23 Maggio 2022 - Ultimo aggiornamento il: 22 Maggio 2022 alle 22:57:00

Cronaca

Tentano di svaligiare un appartamento, ma vengono bloccati

In azione i carabinieri che bloccano tre stranieri a bordo di un'auto con targa contraffatta


Procede senza sosta la guerra contro i furti in appartamento da parte dei carabinieri della Compagnia di Martina Franca.

Nella mattinata di sabato alla Centrale Operativa è giunta una chiamata che segnalava la presenza in via Petrarca di un’auto di colore nero con targa di nazionalità francese contraffatta. A bordo vi erano tre persone uscite in tutta fretta da un condominio.

Immediatamente, è stata inviata sul posto una pattuglia della locale Stazione Carabinieri che, dopo aver raccolto alcune informazioni da parte di cittadini della zona, si è messa alla ricerca del veicolo trovato poco distante.

All'arrivo dei militari l’auto ha cominciato a procedere a forte velocità e, dopo un breve inseguimento i tre uomini, un lituano e due georgiani sono stati bloccati e condotti in caserma.

Eseguite le perquisizioni personali e veicolari, i tre sono stati trovati in possesso di arnesi atti allo scasso, guanti e nastro adesivo.

Inoltre i militari hanno accertato che la targa della vettura presentava alcuni numeri alterati con del correttore da inchiostro.

Dal sopralluogo effettuato nella palazzina di via Petrarca, dalla quale sono stati visti uscire i tre malviventi, si è appurato che il portone di ingresso dello stabile presentava evidenti segni di effrazione prodotti dagli attrezzi rinvenuti. Al termine delle operazioni i tre sono stati denunciati in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Taranto, per danneggiamento, possesso ingiustificato di chiavi alterate e grimaldelli e falso materiale per la manomissione della targa dell’auto, mentre gli attrezzi rinvenuti ed il veicolo utilizzato sono stati sottoposti a sequestro.

Inoltre è stata inoltrata una proposta alla Questura di Taranto per il rimpatrio con foglio di via obbligatorio dal Comune di Martina Franca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche