Cronaca

Omicidio Malcore. Taglio resta in cella


TARANTO – Omicidio Malcore: resta dentro Cosimo Taglio, ritenuto responsabile del delitto del vigilante, avvenuto nel dicembre scorso, durante una rapina messa a segno davanti ad un istituto di credito del rione Tamburi. Il Tribunale del Riesame, composto dai giudici Fiore, Romano e De Tomaso, ha respinto la richiesta di scarcerazione presentata dai difensori dell’uomo, gli avvocati Salvatore Maggio e Patrizia Boccuni. Per i giudici del Riesame è attendibile la confessione resa da Taglio dinanzi ai carabinieri e al pubblico ministero.

Respinto anche il ricorso presentato dall’avvocato Fabrizio Lamanna per Francesco Colace, il quale è stato fermato insieme a Taglio perchè ritenuto l’autore di una rapina compiuta, nel giugno scorso, in una sala giochi che è situata a Martina Franca. Sulle riprese filmate che secondo gli inquirenti incastrano Colace l’avvocato Lamanna ha preannunciato una perizia tecnica che sarà eseguita da un consulente di parte. Venerdì scorso la discussione dinanzi ai giudici del Tribunale del Riesame i quali, stamattina, hanno depositato le motivazioni del provvedimento con il quale è stato respinto il ricorso inoltrato dalla difesa. Intanto il prossimo 24 febbraio sarà discusso il ricorso presentato dal sostituto procuratore Daniela Putignano contro l’esclusione di Cosimo Taglio dal colpo ai danni della sala giochi di Martina Franca. Secondo l’accusa quella rapina sarebbe stata portata a termine da Taglio e da Colace. I due, come detto, restano dietro le sbarre dopo che il Riesame ha rigettato l’istanza di annullamento della misura cautelare che è stata inoltrata, nei giorni scorsi, dagli avvocati difensori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche