28 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 27 Settembre 2021 alle 23:58:00

Cronaca

Rapinatori scatenati. Tre colpi in un’ora


TARANTO – Rapinatori scatenati: tre colpi nel giro di un’ora. Dopo l’arresto nel rione Solito di un giovane ritenuto un rapinatore seriale, altri banditi hanno assaltato un supermercato situato in via Galeso, ai Tamburi e un laboratorio di analisi cliniche nel centro di Martina Franca. Proprio mentre i carabinieri stavano illustrando l’operazione grazie alla quale era stato preso, da un militare dell’Arma fuori dal servizio, un 26enne che tentava di rapinare un supermercato del rione Solito, due banditi con il volto coperto e uno dei quali armato di pistola, stavano prendendo di mira il supermercato “Mini Europa” che è situato in via Galeso.

Intorno alle 19.45 i due malviventi hanno fatto irruzione nell’esercizio commerciale e sotto gli occhi di dipendenti e clienti hanno minacciato la cassiera facendosi consegnare quasi 1200 euro. Dopo aver portato a termine il colpo sono fuggiti a piedi, raggiungendo, probabilmente, una macchina con al volante un complice. Dopo una telefonata alla centrale operativa della Questura sul posto sono piombati i poliziotti della Squadra Volante i quali hanno raccolto tutti gli elementi utili per identificare i due malfattori che hanno colpito nel supermercato poco prima dell’orario di chiusura. Un quarto d’ora dopo rapinatori in azione a Martina Franca. In un noto laboratorio di analisi, situato nel centro della cittadina della Valle d’Itria, due malviventi con il volto coperto da passamontagna e uno dei quali armato di pistola, sotto la minaccia dell’arma si sono fatti consegnare dal responsabile la somma di mille euro. Dopo aver arraffato il bottino sono fuggiti a piedi per le vie del centro. Sono in corso le indagini dei carabinieri della Compagnia di Martina Franca per identificare gli autori dell’assalto armato al laboratorio di analisi cliniche. Purtroppo dall’inizio dell’anno sono decine le rapine messe a segno tra Taranto e i centri della provincia. Nel mirino dei banditi soprattutto supermercati e tabaccherie. In qualche circostanza i malviventi hanno anche picchiato i commercianti che hanno tentato di difendere i propri soldi. Il culmine è stato raggiunto con l’omicidio del vigilante Francesco Malcore, durante un colpo messo a segno davanti ad un istituto di credito dei Tamburi. Nel 2011 le rapine sono state ben trecento, e se il trend è quello registrato tra gennaio e la metà di febbraio, nel 2012 potrebbero essere di più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche