Cronaca

Incendi estivi, in campo più volontari

Firmato il protocollo d’intesa tra la Regione Puglia e il ministero dell’Interno. Il piano sarà attivo dal 15 giugno al 15 settembre


Più volontari per  affrontare la stagione degli incendi.

E’ stato firmato il protocollo di intesa tra la Regione Puglia ed il Ministero dell’Interno per la organizzazione della campagna antincendi boschivi 2014 che sarà attuato dal prossimo 15 giugno al 15 settembre.

Oltre a vigili del fuoco e corpo forestale in campo  una squadra di volontari per ogni provincia, composta da cinque persone . Le squadre arriveranno a tre nel periodo di maggior rischio incendi a causa delle condizioni meteo.

Si è lavorato molto per la formazione degli operatori che dovranno essere in grado non solo di controllare il territorio ma di poter intervenire con competenza e professionalità in caso di incendi boschivi.

Quest’anno verrà erogato dalla Regione al Ministero dell’Interno, a cui fa capo il Dipartimento dei Vigili del Fuoco, un corrispettivo forfettario di 1.150.000 euro per le squadre Aib (anti incendio boschivo) per un periodo complessivo di 62 giornate lavorative ciascuna. Il sistema è rodato anche se è necessario coinvolgere i cittadini in un controllo e in un rispetto del territorio per evitare incendi provocati da atti di criminali e da disattenzione.

Purtroppo ogni anno la  Puglia è la regione in cui scoppiano più incendi. Viene  superato il dato sporadico degli ultimi anni di 100 incendi giornalieri.

Anche dal numero delle richieste d’intervento aereo a supporto delle squadre a terra negli ultimi anni si è registrato   l’incremento delle operazioni  di spegnimento. L’intervento aereo  poi viene richiesto soprattutto nei casi di cosiddetti “incendi d’interfaccia” (quando la vegetazione interessata dal fuoco e’ presente nelle immediate vicinanze di insediamenti urbani o di infrastrutture) e “Incendi Boschivi” (dove l’orografia del terreno non consente l’intervento diretto delle squadre da terra), e comunque sempre a tutela della  incolumita delle persone.

I lunghi periodi di scarsa piovosità hanno favorito la velocità di propagazione degli inneschi di qualunque natura.Quest’anno quindi saranno impiegati più uomini e mezzi di vigili del fuoco, corpo forestale e protezione civile per domare gli incendi, vera e propria emergenza con l’arrivo dell’estate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche