03 Dicembre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 02 Dicembre 2020 alle 19:14:04

Cronaca

Muore in ospedale, spuntano i vermi in bocca. Indaga la Procura

Venerdì si terrà l’autopsia su una 84enne deceduta nel reparto di rianimazione del “San Giuseppe Moscati”


Vermi dalla bocca durante il ricovero in riaminazione. Sulla orripilante vicenda sta indagando la procura tarantina dopo la denuncia presentata da un familiare di una anziana degente, che è rappresentata dall’avvocato Maurizio Besio.

La donna, una 84enne disabile, nella notte tra lunedì e martedì  è deceduta nel reparto di rianimazione dell’ospedale “San Giuseppe Moscati”.

Ora la magistratura vuole vederci chiaro su questa storia incredibile e ha già dato mandato al medico legale per eseguire l’autopsia che è in programma per venerdì prossimo. L’anziana era stata ricoverata a febbraio scorso nel reparto di geriatria dell’ospedale in quanto era affetta da una bronchite.

A marzo era stata trasferita in rianimazione e ieri l’altro qualche ora prima che  morisse, una figlia si è trovata di fronte ad una scena raccapricciante.

Ha visto fuoriuscire dei vermi dalla bocca della madre li ha  subito messi in un contentore sigillato che ha immediatamente consegnato alla polizia. La donna ha presentato anche una denuncia agli agenti della questura.

Venerdì prossimo quindi il medico legale dovrà accertare le cause delle morte della ottantaquatenne che era ricoverata in ospedale da  oltre quattro mesi. Saranno analizzati anche i vermi che la figlia delle degente ha consegnato alla polizia.  Poco più di due settimane fa era venuta a galla la notizia di vermi in Rianimazione nell'ospedale “Ss. Annunziata”. I carabinieri del Nas avevano rinvenuto vermi ma in un deposito del reparto.

Sulla vicenda i militari del nucleo sanità avevano presentato una denuncia in Procura. L'intervento dei carabinieri del Nas era stato eseguito un paio di settimane prima, dopo una segnalazione anonima sulle condizioni igieniche ritenute precarie all'interno del reparto .

Gli investigatori avevano rilevato altre anomalie, anche queste segnalate alla magistratura, tra cui macchie di umidità sui muri, servizi igienici inadeguati e infissi non a norma. Dall’ospedale era arrivata subito la precisazionela riguardo alla gravità della situazione. I responsabili avevano spiegato che le carenze erano state riscontrate in locali non utilizzati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche