Cronaca

Barista mette in fuga rapinatore armato di coltello

Il malvivente ha preteso l’incasso ma dopo una colluttazione ha dovuto battere in ritirata. Indagano i carabinieri


“Tira fuori l’incasso!”. Un malvivente con il volto coperto e armato di coltello ieri sera ha tentato un colpo in un bar di Talsano ma è stato messo in fuga dal proprietario del locale.

Il rapinatore non si aspettava la reazione del barista e dopo una colluttazione ha capito che era meglio cambiare aria. Il commerciante ha poi allertato i carabinieri e sul posto sono intervenuti i militari della Stazione di Talsano e della Compagnia di Taranto i quali hanno raccolto gli elementi utili per identificare il malfattore che è fuggito a mani vuote grazie alla coraggiosa reazione del barista. 

Tempi duri per i rapinatori. Infatti nelle stesse ore un 34enne tarantino, del quale non è stato reso noto il nome, è stato arrestato dai carabinieri, a Spilimbergo, in provincia di Pordenone, per una tentata rapina in un centro scommesse. 

L’uomo che risiede nel piccolo comune di Sequals, nella stessa provincia friulana, ha tentato di rapinare un centro scommesse a Spilimbergo.

Dopo aver atteso che il responsabile chiudesse la sala scommesse, il 34enne tarantino è entrato in azione, minacciandolo con una pistola. Davanti al malvivente  il commesso ha tergiversato riuscendo ad attivare l’allarme. Il rapinatore, spazientitosi, ha cambiato obiettivo: non più l’incasso, ma il portafogli dell’unico dipendente che era presente in sala.

Quest’ultimo però è riuscito a togliere l’arma al malfattore e a bloccarlo sino all’arrivo dei carabinieri che lo hanno ammanettato.
La vittima  è stata soccorsa e condotta in ospedale dove è stata medicata. 

Il dipendente del centro scommesse guarirà in cinque giorni. Il tarantino fermato dai militari dell’Arma deve rispondere di tentata rapina, ricettazione di arma da sparo e lesioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche