24 Luglio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 24 Luglio 2021 alle 21:10:00

Cronaca

Contributi 2011. La Provincia nasconde le carte


TARANTO – Sono trascorse due settimane da quando, attraverso queste colonne, abbiamo chiesto alla Provincia di rendere noti, come previsto dalla legge, i contributi pubblici erogati dal Gabinetto del Presidente Florido nel 2011. Dagli uffici provinciali ci avevano detto che quei dati sarebbero stati pubblicati a giorni, ma siamo già a fine febbraio e quindi a quasi due mesi dalla fine del 2011 e neppure un dato è stato ancora reso pubblico.

Ci chiediamo il movito e se, per caso, l’ente Provincia o il Gabinetto del Presidente abbiano qualcosa da nascondere. Intanto anche nel 2010 le spese elargite a favore di enti ed associazioni per l’organizzazione di eventi e manifestazioni sono state consistenti. Ai primi del mese abbiamo pubblicato un elenco dettagliato di sessantesei voci equivalenti ad un totale di 132.872 euro erogati dal solo Gabinetto del presidente, due anni fa, a vario titolo ed a vari enti prevalentemente per l’organizzione di feste e sagre paesane. Quando, nello stesso periodo, la stessa Provincia denunciava di non avere un centesimo immobilizzando di fatto l’economia locale, tagliando i contributi anche ad enti. Vorremmo capire con quale criterio e per quale ragione e se anche per il 2011 si è usato lo stesso sistema e soprattutto la stessa, se non superiore, spesa. A fronte di un territorio che langue sotto l’aspetto sanitario (con ospedali che chiudono e posti letto insufficienti al fabbisogno dell’utenza), sotto l’aspetto occupazionale (con decine di vertenze ancora in atto che mettono a rischio centinaia di posti di lavoro) e quello scolastico (con istituti che aspettano ormai da decenni sedi nuove e più idonee ad ospitare gli studenti). Dulcis in fundo un servizio di trasporto che continua a perdere pezzi (vedi il taglio dei treni ed un aeroporto con la pista tra le più lunghe d’Italia che non decolla ancora). Insomma vorremmo sapere come vengono spesi i soldi dei contribuenti tarantini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche