27 Novembre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 27 Novembre 2020 alle 11:41:49

Cronaca

Comincia l’estate, ma le spiagge sono ancora sporche

Al via l’assalto dei lidi, ma le amministrazione si fanno trovare impreparate. Rifiuti, alghe e sassi impediscono di sdraiarsi al sole


Nell’ultimo week end le spiagge della litoranea salentina si sono riempite di bagnanti.

L’estate è ormai entrata nel vivo. In tanti, turisti e non, si sono riversati nei lidi privati, ma anche nelle aree pubbliche per la tintarella.
Ma per alcuni di loro l’amara sorpresa. Armati di ombrellone, sdraio e asciugamano, una volta sulla spiaggia, lo spettacolo è stato desolante.

Alghe, rifiuti e persino sassi hanno reso un’impresa difficile trovare uno spazio libero in cui sdraiarsi al sole.

Le foto che pubblichiamo sono state postate su facebook da alcuni bagnanti sdegnati dalla situazione che, ad estate ormai giunta, sono stati costretti a subire.

La foto in alto e le due accanto si riferiscono alla spiaggia libera accanto a quella dell’aeronautica nella marina di Pulsano.

Le alghe (posidonia) hanno praticamente occupato buona parte della battigia e per alcuni entrare in acqua è stato impossibile.
Sulla stessa spiaggia i resti di alghe che con le mareggiate hanno raggiunto persino la scalinata e, per non farsi mancare nulla, i classici mozziconi di sigaretta che, notoriamente invadono le spiagge e che, per deteriorarsi ci impiegano diversi anni.

Nella foto qui accanto, invece, un fatto eclatante. A Torre Ovo, sabato, per i bagnanti è stato impossibile sdraiarsi al sole perchè la spiaggia era occupata da sassi grossi come mele.

Una strana “invasione” che ha agitato bagnanti e titolari degli stabilimenti balneari che già reclamano danni economici. Un fenomeno che forse mai si è verificato prima d’ora e che ha lasciato stupiti quanti si sono trovati costretti a cambiare spiaggia.

Insomma l’estate è arrivata e le amministrazioni comunali (come sempre) si fanno trovare impreparate. La pulizia dei lidi spesso non anticipa come dovrebbe l’arrivo dei bagnanti e le polemiche, ogni estate, si ripetono senza sosta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche