Cronaca

Rapinò una cartolibreria aggredendo il titolare, preso

Fermato un 26enne che mise a segno il colpo a marzo. Per guadagare la fuga lanciò uno scaffale contro il titolare del negozio


E’ stato preso dalla polizia per una rapina compiuta,  nel marzo scorso, in una cartolibreria. Carmelo Pedone, 26 anni, durante il colpo aveva aggredito anche il proprietario  dell’esercizio commerciale. Ieri pomeriggio gli agenti della Sezione Volante hanno notificato  un ordinanza di custodia cautelare in carcere al giovane che era ai “domiciliari”.

Secondo gli investigatori Pedone nella notte del 19 marzo scorso dopo aver scassinato la porta d’ingresso di un esercizio commerciale situato nel centro cittadino si è impossessato di circa 200 euro custoditi nel registratore di cassa e di tutti i “gratta e vinci”, circa un centinaio.

Il giovane poi aggredì anche il titolare della cartolibreria  che nel frattempo , allertato dal sistema di sorveglianza, era piombato sul posto.

Durante la colluttazione Pedone  per guadagnare la fuga scaraventò anche uno scaffale contro il proprietario del negozio  facendolo cadere rovinosamente per terra. Le indagini, partite subito dopo il colpo, hanno permesso di accertare le responsabilità del  26enne che ieri pomeriggio dopo la notifica del provvedimento di custodia cautelare è stato accompagnato nella  casa circondariale di largo Magli.

A fine marzo Carmelo Pedone era stato già fermato dalla polizia per aver tentato di rubare uno scooter.

Gli agenti erano stati allertati dalla locale centrale operativa  per un intervento in via De Cesare dove un giovane era stato sorpreso dal proprietario di una moto mentre tagliava, con una cesoia, la catena di sicurezza del mezzo. Il ragazzo si era dato alla fuga ma dopo pochi minuti i poliziotti erano riusciti a bloccarlo in piazza della Vittoria.

Gli immediati accertamenti avevano consentito agli agenti di recuperare, poco distante dal luogo in cui era stato fermato il 26enne, una cesoia che Pedone aveva lanciato sotto un’autovettura in sosta, durante la fuga.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche