Cronaca

Allarme incendi, Nardoni lancia un appello a operatori e turisti

Pericolo in agguato per il caldo, intervento dell'assessore regionale


Allarme incendi: l’assessore regionale alle Risorse agrioalimentari Fabrizio Nardoni lancia l’appello a operatori, comunità e turisti.

Il pericolo è in agguato e c’è allerta fino al 15 settembre. 

“L’ondata di caldo e afa prevista per i prossimi giorni ci induca ad essere  più cauti e attenti al fine di evitare la stagione del fuoco che vide la Puglia protagonista in negativo nelle estati del 2007 e del 2008 con gli incendi di Peschici e Cassano Murge- dice  l’assessore –  per questo dopo il decreto di grave pericolosità per gli incendi boschivi pubblicato ad aprile e relativo ai periodi tra il 15 giugno e il 15 settembre è opportuno invitare nuovamente operatori, comunità e turisti a mantenere la massima allerta su un fenomeno che rischia di compromettere per lungo tempo il paesaggio e l’eco-sistema pugliese. La normativa è stringente – aggiunge – ed è assolutamente vietato accendere fuochi, far brillare mine o usare giochi pirotecnici, così come usare apparecchi a fiamma o accendere fornaci o braci. Ci sono divieti anche per l’incivile abitudine di lasciare rifiuti ai bordi delle strade perché spesso il fenomeno di autocombustione di questi reflui ha dato non poche preoccupazioni  ai nostri boschi e alle nostre aree arborate”.

Per Fabrizio Nardoni si tratterebbe di cambiare registro e imparare che anche una piccola distrazione umana può rischiare di sfigurare per lungo tempo la bellezza di luoghi meravigliosi come avvenne sette anni fa nel rogo di Peschici in cui persero la vita anche alcune persone. Sul fronte delle risorse l’Assessorato regionale ha già erogato aiuti per la prevenzione degli incendi boschivi. “Un impegno economico che  saremo in grado di riproporre anche nel prossimo Programma di Sviluppo Rurale 2014 -2020 – sottolinea Nardoni – e su cui sarà mia cura prevedere anche campagne di informazione che coinvolgano soprattutto i più giovani”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche