Cronaca

Stop al dissesto idrogeologico, l’Ance Taranto lancia una petizione on line

Mobilitazione per chiedere l'intervento del Governo. Mai più le alluvioni come quelle di Ginosa e Castellaneta


L’Ance Taranto, l'associazione che raggruppa gli imprenditori edili, invita le istituzioni e la società civile ionica ad unirsi alla petizione on line «#DISSESTOITALIA per chiedere al Governo centrale una risposta efficace all’emergenza dettata dal dissesto idrogeologico. I costruttori chiedono di sbloccare le risorse disponibili per finanziare da subito interventi di manutenzione e prevenzione su tutto il territorio nazionale».

«Il caldo ed il bel tempo di questi giorni – scrive in una nota il presidente dell'Ance di Taranto Antonio Marinaro- non può e non deve far abbassare la soglia d’attenzione su un problema che è ancora emergenza nel nostro territorio come in tante altre aree del Paese. Ogni anno, in concomitanza di eventi meteorologici di straordinaria portata, come quelli che solo lo scorso ottobre hanno interessato le comunità di Ginosa, Castellaneta, Palagianello e Laterza, registriamo, sconfitti dalla forza inarrestabile della natura, perdite incalcolabili in termini di vite umane e di danni alle infrastrutture ed alle città».

«E’ una situazione non più accettabile – aggiungfe -, che merita un intervento massiccio e coordinato per mettere in sicurezza un territorio sempre più antropizzato e per garantire la salute dei tanti cittadini che vivono nel terrore che simili eventi possano ripetersi. Bisogna poter lavorare oggi, quando è ancora utile ed opportuno intervenire, per prevenire simili disastri».

«Invitiamo tutti i cittadini e le forze economico-sociali del nostro territorio – conclude – a partecipare alla nostra iniziativa sottoscrivendo la petizione sul sito internet http://dissestoitalia.it/petizione/».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche