13 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 13 Aprile 2021 alle 15:33:31

Cronaca

Aspettano la fogna, arriva il carrattrezzi


TARANTO – Aspettavano i servizi chiesti da anni. Ottengono la pulizia notturna. Peccato che i mezzi dell’Amiu debbano passare in una sola notte da tutte le vie della zona attorno a via padre Coco. Quindi è impossibile parcheggiare. I residenti si rivolgono direttamente al sindaco. E non è la prima volta che a Palazzo di città sentono parlare di loro, delle loro richieste. A scrivere è l’amministratore di condominio del civico 11, Antonio Loperfido. “I cittadini di via padre Coco rivendicavano i servizi essenziali di cui deve godere una società civile che paga tutti i servizi e ricevono in cambio lo spazzamento notturno, contemporaneamente, in tutte le vie”.

Non che manchino i “ringraziamenti “ per “l’attenzione che l’ente civico ha finalmente dimostrato di avere per questa piccola via sconosciuta a molti cittadini e soprattutto allo stesso comune”. Ma “Una mattina in via Padre Primaldo Coco è stato installato un palo con la scritta, divieto di sosta per spazzamento notturno del giorno 23 di ogni mese; la cosa oltre a fare felice il sottoscritto” commenta Loperfido “per l’attenzione che il Municipio di Taranto finalmente ci riservava, ha reso contenti tutti i cittadini della piccola via, sempre bistrattata, i quali però mi hanno rivolto tre piccoli quesiti ai quali non ho saputo dare risposta”. Quindi gli interrogativi vengono girati a Stefàno : “Visto che la via non gode neanche dei servizi minimali di spazzatura, né di altri servizi, come sarà organizzata la pulizia ordinaria negli altri 29 – 30 giorni del mese? Poiché, qualche scienziato ha organizzato la pulizia notturna, che sicuramente dà igiene e decoro, per il giorno 23 di ogni mese, coinvolgendo contemporaneamente, nella stessa notte, le vie Speziale, Torro, C. Battisti, Padre Coco, Atenisio e tutte le altre vie fino al piazzale Santa Rita, ci vuole dire Lei o i suoi preposti dove devono parcheggiare le auto i cittadini di tutte queste vie?”. E sono anche altre le risposte che aspettano dalla via del quartiere Tre Carrare: “Oltre a quanto non fatto per via Padre Coco, ha ipotizzato altri interventi?” chiedono i residenti al sindaco: “Soprattutto, a noi interessa sapere a che punto è la situazione dell’impianto fognario. È vero che non si è fatto il collaudo perché le tubazioni sono franate in varie vie; le pendenze non sono giuste; manca ancora l’impianto di sollevamento di via Torro. Infine, esiste una previsione di avvio del funzionamento, affinché si eliminino gli esosi costi di gestione delle fosse biologiche, degli autospurgo e soprattutto degli impianti di depurazione, che i cittadini sono costretti a sostenere, loro malgrado?”. In attesa di risposte, meglio buttarla sul ridere: “Abbiamo pensato che probabilmente qualcuno ha previsto la sosta notturna delle nostre auto nelle recente rinnovata piazza Castello, utilizzando un bus navetta, messo a disposizione dal Comune, per promuovere i cosiddetti parcheggi di scambio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche