25 Ottobre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 25 Ottobre 2020 alle 16:22:59

Cronaca

Caso Ruby, “Giustizia è fatta, ma quanta amarezza”

Dopo la sentenza si aspettano scossoni all'interno di Forza Italia. I commenti di eurodeputati, parlamentari e consiglieri


BARI – Proprio nel momento in cui tentava di far prevalere la sua linea e il suo peso elettorale, Raffaele Fitto. leader di Forza Italia, ha dovuto registrare il successo di Silvio Berlusconi e del suo “cerchio magico” con la sentenza di appello sul caso-Ruby. Sentenza che, ci si chiede, quali effetti, fra gli altri, avrà all’interno del partito degli azzurri?

“Un governo legittimamente eletto dal popolo italiano con una maggioranza parlamentare tra le più ampie della storia parlamentare fu costretto a dimettersi. Oggi viene finalmente restituita alla storia la verita', ma non si potra' cancellare l'amarezza per quanto accaduto a scapito di un intero popolo, il nostro: quello delle Libertà – è quanto dichiara il consigliere regionale di Forza Italia, Pietro Lospinuso, commentando l'assoluzione del presidente Berlusconi – Il voler eliminare con metodi non politici – prosegue – un governo legittimamente eletto, anche attraverso pressioni internazionali, è ciò che abbiamo sempre sostenuto e che viene oggi confermato. Giustizia ottenuta, ma la storia politica italiana e' stata modificata, estromettendo dal Parlamento un leader che rappresenta milioni di Italiani da cui aveva avuto il mandato di governare il Paese. Non possiamo che stringerci intorno al nostro presidente – conclude – senza rancore perche' non fa parte della nostra cultura, ma con ancora più motivazione per rilanciare l'idea di un Italia libera da chi vorrebbe sottometterla con mezzi ingiusti che ledono la nostra libertà”.

Gianfranco Chiarelli, deputato Forza Italia. “Faccio pienamente mio il principio “le sentenze non si commentano”, che troppo spesso ci viene ricordato dalla sinistra, in particolare quando si tratta di pronunciamenti che riguardano in negativo la controparte politica. La assoluzione piena nel giudizio di secondo grado, appena emessa dalla Corte d’Appello di Milano, in riferimento al caso Ruby, che manda assolto il presidente Berlusconi, sostanzialmente per non aver commesso alcun reato, pone riparo ad un chiaro torto subito nel processo di primo grado. Per questo, pur non entrando nel merito del giudizio, ritengo di dover esprimere grande soddisfazione”.
Sull’argomento si registra anche un commento dell’europarlamentare pugliese di Forza Italia, Barbara Matera. “Alla fine ha prevalso la verità e il presidente Berlusconi è stato assolto da tutte le accuse che in questo processo gli erano state mosse. La sentenza rende giustizia ad un leader politico che ha saputo affrontare questi anni molto delicati con grande forza d’animo, in quanto consapevole, come lo eravamo tutti noi, della sua totale innocenza. E’ quindi con estrema soddisfazione che oggi plaudiamo all’esito del processo e ci sentiamo più che mai berlusconiani”.

Non manca una dichiarazione di area avversa. A parlare è il presidente del Consiglio regionale, Onofrio Introna. “Com'è noto, non commento le sentenze dei Tribunali e non lo farò neanche in occasione del processo di appello sul caso “Ruby”. Mi sfugge una sola istantanea considerazione: la Magistratura italiana non finisce mai di stupire”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche