28 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 28 Settembre 2021 alle 21:49:00

Cronaca

Scopre il ladro in casa e viene picchiato e minacciato con un coltello

Preso a pugni e minacciato da un malvivente tarantino. Via con 8mila euro


Sorpreso a rubare in un appartamento prima prende a pugni e poi minaccia con un coltello il proprietario di casa. 

I carabinieri della Stazione di Mottola e i loro colleghi del Nucleo Investigativo di Taranto ieri sera hanno notificato una ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa  dal gip del Tribunale di Taranto, al 54enne Giuseppe Campicello, tarantino già noto alle forze dell’ordine.

L’uomo, il 17 gennaio scorso, aveva prima tentato di compiere un furto in un’abitazione del centro di Mottola, approfittando del fatto che il proprietario aveva lasciato le chiavi inserite nella serratura della porta d’ingresso. Prima di entrare in casa aveva comunque bussato alla porta per verificare se vi fosse qualcuno e, quando all’uscio si era presentato il proprietario, aveva pretestuosamente chiesto informazioni su una via inesistente, allontanandosi subito dopo. Solo successivamente la vittima si era accorta  che lo sconosciuto si era impossessato delle chiavi di casa, lasciate nella toppa della serratura.

Poco dopo il 54enne tarantino si era introdotto in un’altra abitazione ma era stato sorpreso dal proprietario, un quarantottenne  del posto.

La vittima aveva tentato di bloccare il ladro che, per tutta risposta, prima aveva colpito il malcapitato con pugni al volto, poi aveva tirato fuori dalla tasca un coltello, minacciandolo e facendolo così desistere.

Il malfattore era poi riuscito a fuggire a bordo di un’autovettura portando con sé buoni postali e oggetti vari per un valore di circa 8mila euro.

Il proprietario aggredito aveva riportato, fortunatamente, solo lievi lesioni. Proprio l’uso della violenza finalizzato ad assicurarsi la refurtiva e a garantirsi la fuga, ha fatto scattare per questo secondo episodio il più grave reato di rapina. Le successive indagini, condotte dai carabinieri della Stazione di Mottola, hanno consentito di acquisire elementi di colpevolezza a carico del tarantino Giuseppe Campicello per i reati di furto e rapina. Il giudice delle indagini preliminari accogliendo la richiesta della Procura jonica ha così emesso il provvedimento restrittivo nei confronti di Campicello.

L’uomo nella serata di ieri è stato arrestato e, dopo  una sosta in caserma è stato condotto nella  casa circondariale di largo Magli, a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche