Cronaca

Parte da Taranto il via libera al commercio equo e solidale

A proporre il provvedimento è stato il Consigliere regionale “tarantino” Alfredo Cervellera


“Esprimo profonda soddisfazione per l’approvazione, all’unanimità del Consiglio regionale (41 voti su 41 presenti) della proposta di legge sul commercio equo solidale in Puglia”. A proporre il provvedimento è stato il consigliere regionale “tarantino” Alfredo Cervellera.

L’obiettivo era quello di colmare un vuoto legislativo. “Ho registrato un consenso da parte delle associazioni, in particolare di Agices (Agenzia Generale Italiana per il Commercio Equo e Solidale) e della Consulta Regionale Consumatori ed Utenti. La Puglia è la prima Regione del Sud ad approvare una Legge ad hoc sul Commercio Equo e Solidale, mentre ben nove lo hanno già fatto al Centro Nord. Per una serie di interventi a favore della diffusione del commercio equosolidale la legge mette a disposizione un contributo annuo di 100.000 euro”.

Le finalità della Legge sono contenute nel primo articolo: “La Regione, in coerenza con i principi internazionali e costituzionali, riconosce il valore sociale, culturale ed educativo del commercio equo e solidale come forma di cooperazione volta a realizzare scambi commerciali con produttori di Paesi in via di sviluppo che valorizzano produzioni, tradizioni e culture autoctone, al fine di valorizzare attività produttive volte a consentire l’accesso al mercato a produttori marginali, a perseguire uno sviluppo sostenibile e un modello produttivo fondato sulla cooperazione e attento a salvaguardare i diritti dei lavoratori che prestano la loro opera in tali attività”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche