19 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 19 Aprile 2021 alle 15:35:44

Cronaca

Giurisdizione e perizia: marò verso il verdetto


Italian marines Massimiliano Latorre, left, and Salvatore Girone, back center, are escorted by Indian police officials from a court in Kollam, India, Monday, March 5, 2012. An Indian court has ordered two Italian marines held in jail while officials investigate last month's killing of two Indian fishermen at sea. The marines are accused of shooting the fishermen on Feb. 15 after mistaking them for pirates off India's southwest coast. The marines had been providing security on a cargo ship. (AP Photo)

TARANTO – Si scrive oggi una parte importante del destino dei due marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone. Nello stato del Kerala, presso l’Alta Corte di Kochi e nell’istituto della polizia scientifica di Trivandrum, spazio alla terza udienza sulla giurisdizione del caso e, a Trivandrum, alla conclusione delle perizie sulle armi trovate a bordo della Enrica Lexie. La settimana prossima le decisioni per i due fucilieri di Marina accusati di aver ucciso due pescatori scambiati per pirati.

La delegazione italiana, di cui fanno parte due membri dell’avvocatura dello Stato, Carlo Sica e Giacomo Aiello, è giunta a Kochi, dove presso l’Alta Corte si tiene la terza udienza riguardante la giurisdizione del processo per i due marò arrestati. Dopo l’illustrazione delle argomentazioni italiane, che puntano a rivendicare lo svolgimento del processo in Italia, oggi il procuratore dello Stato del Kerala presenterà le sue controdeduzioni. Si ritiene che al termine dell’udienza il giudice fisserà la data della sentenza, comunque non prima di una settimana. Nel contempo, a Trivandrum, spazio all’ultima giornata sulle perizie delle armi sequestrate a bordo della Enrica Lexie, a cui partecipano come “spettatori silenziosi” anche due esperti italiani. La conclusione è attesa nel pomeriggio, ora italiana, quindi la polizia scientifica del Kerala preparerà il referto, previsto anche questo per la seconda parte della prossima settimana, che dovrà indicare le responsabilità nella morte dei due pescatori indiani. Nel contempo, si moltiplicano le iniziative di solidarietà per il tarantino Latorre e per il collega barese Girone. “Giunge al Sindaco di Taranto dal primo cittadino di Crotone, Peppino Vallone, una missiva contenente le espressioni di solidarietà della comunità crotonese riguardante la vicenda dei marò italiani detenuti in India” si legge in una nota del Comune di Taranto. L’associazione culturale Mimmo De Cosmo ha presentato una mozione per portare l’argomento in consiglio comunale, mentre per domenica è stata organizzata una fiaccolata a Nardò.

G.D.M.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche