Cronaca

Il Pd punta sull’Università per lo sviluppo alternativo

L'appello lanciato dal coordinamento cittadino del Partito democratico


“L’università per rivitalizzare Taranto e per contribuire a dargli uno sviluppo diverso rispetto al passato”. E’ l’appello lanciato dal coordinamento cittadino del Partito democratico. In un documento Tommy Lucarella, segretario cittadino del Pd, e Daniela D’Elia, responsabile cittadino del dipartimento Università del Pd, tracciano le linee guida per lo sviluppo della città.

“L’università deve tendere, come tutte le Pubbliche Amministrazioni, al raggiungimento del pubblico interesse secondo imprescindibili canoni della legalità, dell’imparzialità e del buon andamento e al miglioramento dell’efficienza e dell’economicità dell’azione amministrativa. Il particolare ruolo che rivestono gli Atenei, essenziale ai fini dell’incremento dello sviluppo socio-economico del nostro Paese, accentua ulteriormente il senso di missione che anima la componente didattica  e tecnico-amministrativa nei molteplici compiti che essa svolge a supporto delle attività istituzionali della nostra Università anche per il territorio jonico". 

"Il Polo Universitario Jonico – prosegue – ha fatto i conti con la “crisi” e i tagli di fondi, che hanno avuto come conseguenza la disattivazione di alcuni Corsi di Laurea ben avviati e frequentati. In tale ottica le dotazioni di personale amministrativo e ausiliario assicurati dagli enti locali per garantire l’esistenza del polo universitario sono stati successivamente, ridotti a causa della carenza di risorse. Tutto ciò non viene per nulla incontro a quell’offerta formativa che si vorrebbe praticare e dare agli studenti che provengono sia territorio jonico e/o pugliese, ma anche dalla Basilicata e Calabria, non assicurando la crescita culturale ed economica della nostra Città, sacrificandola, ancora una volta, sull’altare pagano dei conti economici".

"Le potenzialità del Polo Universitario Jonico – conclude – sono ben maggiori di quelle finora espresse con tutte le difficoltà che sono state affrontate e superate grazie all’abnegazione appassionata dei docenti che anche da Bari hanno garantito la propria presenza sul territorio. Tali potenzialità non meritano oggi di essere frustrate. La riforma del titolo V della Costituzione ha assegnato alle Regioni la competenza esclusiva relativa alle politiche per il diritto allo studio, al fine di consentire il raggiungimento dei gradi più alti degli studi da parte degli studenti capaci e meritevoli, anche se privi di mezzi”.

Il Pd di Taranto “non intende ripiegarsi sulle logiche asettiche di un’astratta spending review – si legge nel documento – completamente disancorata, non solo dal territorio di riferimento, ma, anche e soprattutto, dalle esigenze di una popolazione logorata da decenni di progressive riduzioni delle proprie legittime aspirazioni, e, in linea con l’Odg dei Consiglieri Regionali e a sostegno dell’appello del Magnifico Rettore Prof. Uricchio, per salvare il Polo Universitario Jonico, invoca l’adozione di ogni utile e concreto provvedimento per il mantenimento, il consolidamento ed il potenziamento del Polo Universitario Jonico”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche