26 Ottobre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 26 Ottobre 2020 alle 06:19:08

Cronaca

Omicidio del fruttivendolo, fanno tutti scena muta

Gli interrogatori di garanzia


Sceglie il silenzio Luigi Dalemmo, accusato del delitto del fruttivendolo di Manduria, Antonio Massari, morto il 16 febbraio del 2013, dopo 9 giorni di ricovero in ospedale, per le ferite riportate alla testa e al dorso.

Dopo un anno e mezzo di indagini, i carabinieri di Manduria hanno arrestato il presunto autore del delitto, alla cui base ci sarebbero motivi passionali.

Ad ogni buon conto, i legali di Dalemmo, avvocati Franz Pesare e Armando Pasanisi, potrebbero chiedere presto un nuovo confronto del gip, una volta in possesso delle carte dell’inchiesta. Si sono avvalse della facoltà di non rispondere anche la fidanzata del sospettato, Loredana Tondo di 24 anni e la madre di quest’ultima, Antonia Piccinni di 42 anni, figlia e moglie del boss Pietro Tondo, che rispondono di favoreggiamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche