Cronaca

Lotta alla “microcriminalità”: tre arresti ed undici denunce

Il bilancio di una serie di operazioni condotte in provincia dai carabinieri


MANDURIA – Tre arresti ed 11 denunce a piede libero sono l’esito delle attività di controllo svolte dai Carabinieri della Compagnia di Manduria negli ultimi giorni.

Il Nucleo Operativo e Radiomobile e le Stazioni dipendenti hanno eseguito servizi di prevenzione dei reati in genere mirati, soprattutto, al contrasto dei delitti contro il patrimonio ed in tema di stupefacenti. Nello specifico i carabinieri del comando stazione di Manduria hanno tratto in arresto in esecuzione di ordini di carcerazione: un venticinquenne, censurato di Manduria per rapina, furto aggravato, lesioni personali e ricettazione; un trentatreenne, censurato di Manduria per estorsione continuata. I carabinieri della Stazione di Sava hanno tratto in arresto in esecuzione di un ordine di carcerazione per ricettazione ed inosservanza degli obblighi della sorveglianza speciale un ventitreenne, censurato di Sava.

I carabinieri del Norm e delle altre stazioni dipendenti hanno denunciato in stato di libertà: tre giovani di cui uno censurato, originario di Manduria mentre gli altri due, uno originario di Pulsano e l’altro polacco, tutti per guida senza patente; due persone, originarie di Sava e Castellaneta, entrambe censurate, responsabili di tentato furto aggravato in concorso; un cittadino di origine russa per minaccia aggravata; due uomini originari di Fragagnano per ricettazione; tre giovani per detenzione illecita di 32 grammi di marijuana già suddivisi in 20 dosi.

Nel medesimo contesto operativo, in quattro sono stati segnalati alla competente autorità amministrativa quali assuntori di sostanze stupefacenti.

Sono stati sequestrati complessivamente 40 grammi di marijuana ed 1 grammo di hashish.

Rimane sempre alto il livello di attenzione dell’Arma sul versante orientale della Provincia di Taranto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche