Cronaca

Un canile all’aperto. Via ai lavori


TARANTO – Potrà ospitare 54 randagi e nascerà su un terreno del quartiere Paolo VI, nei pressi del Cisi. E’ stato consegnato stamattina dall’assessore ai lavori pubblici, Alfredo Spalluto, il cantiere per la realizzazione del primo canile “a stabulazione libera da adibire a rifugio dei cani randagi”. I lavori – per un importo di 239.984,21 euro – sono stati aggiudicati alla Ati M.A.D srl. La superficie complessiva dell’impianto che, secondo il programma, verrà realizzato nei prossimi novanta giorni, è di 2.448 mq, suddivisa in tre moduli ognuno costituito a sua volta da sei recinti di 100 mq.

La capacità dell’impianto sarà pertanto di 18 recinti che ospiteranno ciascuno tre esemplari per un totale di 54 cani. All’interno dell’impianto dove gli animali potranno essere liberi di muoversi all’aperto è prevista anche un’area dove saranno installati 9 box singoli di isolamento. Un dettaglio: “Allo scopo di mitigare l’impatto acustico e visivo dell’opera” si legge nella relazione di presentazione del progetto “è stata prevista a ridosso della predetta recinzione una cintura verde rampicante. I recinti sono delimitati da una struttura costituita nella parte inferiore da un cordolo in conglomerato cementizio armato e nella parte superiore da una rete metallica ondulata”. Ognuno dei 18 recinti – è stato inoltre specificato – ha una porzione di superficie chiusa di 10 mq che ha la funzione di offrire una zona d’ombra d’estate e un riparo nei mesi invernali. La copertura è realizzata con pannelli termoisolanti. A ciascun recinto si accede attraverso un cancello metallico. Completano l’opera tre moduli prefabbricati polifunzionali che serviranno per i servizi igienici, uffici e deposito. Quindi va realizzato anche l’impianto fognante e, per garantire il necessario approvvigionamento idrico all’impianto, è prevista l’estensione delle rete idrica esistente. Tra le opere da realizzare rientrano anche quelle stradali e l’impianto di illuminazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche