Cronaca

Colpo al clan dello spaccio


TARANTO – Una spettacolare operazione nel cuore della notte. In manette 44 persone. Così a Taranto è andato al tappeto un agguerrito clan che aveva trovato nello spaccio di droga un business per fare soldi a palate. A fare da colonna sonora all’esplosione dell’inchiesta “monkey business” il suono delle sirene dei carabinieri. Questa notte i militari si sono presentati in forze nel rione Tamburi, dove il clan aveva stabilito la sua base operativa. In quarantaquattro sono finiti dietro le sbarre in esecuzione delle ordinanze di custodia cautelare in carcere spiccate dal gip Vincenzo Brancato, su richiesta del procuratore Cataldo Motta e del sostituto Alessio Coccioli.

La valanga di arresti è il risultato di una complessa attività investigativa coordinata in prima persona dal procuratore e dal suo sostituto. Un lavoro imponente che ha preso il via nel 2009. In anni di pedinamenti, intercettazioni e controlli gli investigatori hanno avuto modo di seguire l’ascesa del gruppo che faceva capo alla famiglia Scialpi. Nomi conosciuti e temuti nel quartiere. Il clan si riforniva di eroina e cocaina da varie parti del Mezzogiorno, ma era quello barese il canale di approvvigionamento preferito dai signori dello spaccio made in Ionio. Dai singoli episodi di cessione delle dosi di droga, gli inquirenti hanno ricostruito i movimenti dell’organizzazione. Il gruppo aveva tutti i connotati del clan, tradotti dal gip nella contestazione dell’accusa di associazione finalizzata al traffico ed allo spaccio di droga contestata a trentacinque indagati, ai quali vanno aggiunti due minorenni per i quali si procede a parte. Nel mercato della droga il gruppo si è consolidato nel tempo riuscendo a incamerare imponenti quantità di denaro. Quattrini che sono poi stati trasformati in conti correnti, auto, moto, appartamenti e persino una villa con piscina, realizzata a Lido Azzuro. Un vero e proprio tesoro che ora è finito sotto sequestro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche