Cronaca

Bimbo cade sugli scogli a Lizzano e sviene. Poi la corsa in ospedale

Una “gazzella” dei carabinieri ha scortato a sirene spiegate fino in ospedale la macchina con a bordo il piccolo rimasto ferito


LIZZANO – Momenti di paura nella marina di Lizzano.

Durante un normale servizio perlustrativo, un equipaggio della locale Stazione Carabinieri, nel transitare lungo la litoranea,  all’altezza della località “Torretta”,  è stato  avvicinato da un’autovettura, il cui conducente, molto allarmato, ha chiesto  aiuto per raggiungere il più vicino pronto soccorso per  far visitare il figlio minore. 

Nell’auto il piccino vistosamente sanguinante al volto era tra le braccia della madre.

Il bambino, di soli tre anni, poco prima, nella località balneare “Cisaniello” nel territorio di Lizzano, era scivolato sugli scogli urtando violentemente la testa e perdendo i sensi.

I genitori lo avevano immediatamente  messo in auto e si erano diretti verso il più vicino pronto soccorso. Una  corsa sulla litoranea  jonico -salentina che in estate è  piena di insidie visto il grosso volume di traffico.

Non c’era tempo da perdere e   i militari dell’Arma  non hanno esitato a dare il loro ausilio all’automobilista, che stava soccorrendo il figlio ferito. Fungendo da apripista, a bordo della loro “gazzella”, con l’ausilio dei segnali luminosi ed acustici, hanno superato l’intenso traffico della litoranea scortando in breve tempo l’autovettura  con a bordo il bimbo ferito prima presso il presidio sanitario di Pulsano, dove sono state praticate le prime cure, e successivamente al  pronto soccorso dell’ospedale “Ss. Annunziata” dove, dopo i dovuti accertamenti eseguiti dai medici  tra cui  e una consulenza neurologica, ripresi i normali parametri vitali, il piccolo bagnante è stato  dimesso.

Tanta paura ma fortunatamente nulla di grave.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche