13 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 13 Maggio 2021 alle 18:30:05

Cronaca

Invasione di blatte nel Borgo, inutile la disinfestazione

Incredibile ma vero: l’Amiu procede alla pulizia in via De Cesare ma poi spuntano centinaia di animaletti


La scena che si è presentata agli occhi dei passanti, dei commercianti e dei residenti di via De Cesare, pieno borgo cittadino, è stata a dir poco allucinante: centinaia di blatte, molte delle quali, come dire, “scodinzolanti”, sui marciapiedi, davanti ai locali, ai bar, ai ristoranti, ai portoni degli stabili e via dicendo. Una scena raccapricciante oltre che peoccupante (come testimonia la foto a corredo di questo servizio) sul piano igienico e sanitario.

Questa mattina, dunque, l’incredibile sorpresa. E incredibile è la causa-effetto della “bomba ecologica” creata nel cuore del centro umbertino. A determinare l’invasione di blatte, incredibile ma vero, è stata l’opera di disinfestazione della zona messa in atto dall’Amiu. In pratica, appena andati via gli operatori dell’Amiu, dai tombini e dagli stabili, soprattutto quelli abbandonati o dove sono in atto dei lavori, sono spuntate centinaia di blatte che nessuno, per tutta la mattinata, ha provveduto a rimuovere, magari con una ulteriore disinfestazone e  radicale pulizia della zona. 

Le proteste e le segnalazioni non si sono contate. E’ mai possibile che ciò possa avvenire? Non era forse meglio, ironizza qualcuno, non intervenire e lasciare le blatte…nei tombini?

Il Borgo, e non solo, va ripulito radicalmente, ma con interventi drastici e, magari, nottetempo, sicchè, all’alba, si ha la possibilità, in caso di situazioni come quella di via De Cesare, di intervenire per porre rimedio a eventuali e probabili cause-effetto dell’opera di disinfestazione. O no?

E poi: perchè non procedere, come si faceva una volta, alla pulizia, con lavaggio drastico dei marciapiedi? In via Di Palma e in via D’Aquino, nonchè nelle zone limitrofe, cioè nel salotto del Borgo, la situazione è davvero molto indecorosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche