02 Dicembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 02 Dicembre 2021 alle 20:22:00

Cronaca

Case a prezzi stracciati: spunta Lospinuso


TARANTO – Bari, via Pappacena, il ‘condominio dei vip’. Appartamenti costruiti per essere destinati alle forze di polizia impegnate nella lotta alla mafia, ma in realtà finiti sul mercato a prezzi stracciati ed acquistati da politici e alti papaveri della politica non solo barese. Spunta anche il nome di Pietro Lospinuso, consigliere regionale tarantino del Popolo della Libertà, nell’inchiesta sui rapporti tra la potente famiglia barese dei Degennaro e la politica.

Il procuratore Antonio Laudati ed i suoi sostituti stanno scandagliando i documenti di quella lottizzazione e, come riporta l’edizione odierna del quotidiano La Repubblica, tra i nomi di chi ha acquistato una casa dal valore di mercato di 4.000-4.500 euro al metro quadro pagandola decisamente meno c’è anche quello di Lospinuso, che pare lo abbia prenotato per la sorella. In buona compagnia, del resto: Giorgio Savino, figlio di Vito, presidente del Tribunale di Bari ed ex presidente della Regione ai tempi della Dc, diversi consiglieri ed ex consiglieri comunali baresi, Mimmo Magistro, segretario del Psdi ed ex calciatore del Bari, che però ha detto che l’affare è saltato ed ha fatto causa ai Degennaro. Nello stesso elenco figurano un numero imprecisato di professionisti che lavorano stabilmente con il gruppo Dec come Silvio e Marta Sancilio. “Su quelle case io non ho alcuna responsabilità Io non avevo alcun titolo per controllare a chi sono state vendute. Doveva controllare la Prefettura” è quanto ‘twittato’ su internet dal sindaco di Bari, Michele Emiliano, presidente del Partito Democratico in terra di Puglia, autocandidatosi alla guida della Regione per il dopo Vendola e oggi nel mirino per i rapporti con i Degennaro. Gli schizzi dell’inchiesta, ora, sembrano arrivare anche fuori dalla provincia barese.

G.D.M.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche