27 Novembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 27 Novembre 2021 alle 13:00:00

Cronaca

L’ex Assessore Lanzo: “Ho trovato il fucile in campagna”

Nell'interrogatorio ha ammesso le sue responsabilità dinanzi al giudice. La difesa ha chiesto che sia rimesso in libertà


“Ho trovato quel fucile in campagna, vicino alla mia villa. Sono un cacciatore e quindi ho preferito tenerla. Ho commesso un errore”. Ha ammesso le sue responsabilità il cinquantaduenne Umberto Lanzo, ex assessore provinciale allo Sport e allo Spettacolo arrestato dai carabinieri per aver nascosto in casa un fucile rubato.

Difeso dall’avvocato Angelo Masini stamattina l’ex amministratore della Provincia è stato interrogato dal gip Vilma Gilli. Il pubblico ministero Raffaele Graziano ha chiesto che sia emesso un provvedimento restrittivo mentre l’avvocato Masini che il suo assistito torni libero o vada ai “domiciliari”.

Nel corso di una prima perquisizione Lanzo era stato trovato in possesso di quattro  cartucce calibro 12 che aveva nascosto nelle tasche dei pantaloni e delle quali non ha saputo indicare la provenienza. Durante un successivo controllo nei vani dell’abitazione erano state rinvenute, all’interno di un borsone nascosto in un ripostiglio, altre 42 cartucce calibro 12 di varie marche e un fucile ad aria compressa, calibro 4,5 marca Ruger Black Hawk, con munizioni e mirino di precisione.

La perquisizione era stata successivamente estesa anche alle pertinenze dell’abitazione dove, occultato tra le fronde di un albero del giardino, era stato rinvenuto un fucile sovrapposto calibro 12 marca Rizzini. I carabinieri avevano subito scoperto che  era stato rubato a Lizzano, nel maggio scorso, in un’abitazione di Lizzano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche