14 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 14 Aprile 2021 alle 15:33:27

Cronaca

Rapine, sgominata baby gang


GROTTAGLIE – Una baby gang dedita alle rapine era divenuta lo spauracchio dei commercianti della cittadina delle ceramiche. Due sedicenni e il ventenne Antonino Ciraci, tutti incensurati, sono finiti nella rete degli agenti del Commissariato di Grottaglie, diretti dal dottor Antonio Recchia, dopo i colpi ai danni di un supermercato e di una farmacia e una tentata rapina a un distributore di benzina. I raid tutti nello scorso mese di febbraio. L’ultima incursione, il 29 febbraio, in una farmacia situata nel centro storico di Grottaglie.

Secondo gli investigatori della polizia i due minorenni, che avevano il volto coperto e uno dei quali era armato di pistola, hanno fatto irruzione nella farmacia e sotto la minaccia dell’arma si sono fatti consegnare l’incasso ammontante a 400 euro. Poi sono fuggiti a bordo di uno scooter ed hanno raggiunto una Renault Clio, guidata dal maggiorenne. E’ stato proprio in quel momento che una pattuglia di agenti del Commissariato impegnata nella caccia ai malviventi ha bloccato il terzetto trovandolo in possesso dei soldi . I due minorenni e Ciraci non hanno fatto in tempo a dividere il bottino. Sono stati bloccati dai poliziotti e identificati. Il ventenne è stato arrestato su ordine del giudice delle indagini preliminari presso il Tribunale di Taranto, dottoressa Patrizia Todisco che ha accolto la richiesta del sostituto procuratore, dottor Lanfranco Marazia, i due sedicenni, invece, in seguito a provvedimenti emessi dal giudice presso il Tribunale per minorenni, dottor Giuseppe Lanzo, su richiesta del sostituto procuratore Rosalba Lopalco. Ora gli investigatori della polizia stanno lavorando per accertare se la baby gang si sia resa responsabile di altre incursioni ai danni di commercianti grottagliesi. Ciò che emerge dalle indagini condotte dagli agenti diretti dal dottor Antonio Recchia è che i presunti autori delle rapine ai commercianti siano ragazzi che non hanno mai avuto a che fare con la giustizia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche