27 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 27 Settembre 2021 alle 21:24:00

Cronaca

Fissato il riesame per Scarcella


TARANTO – E’ stato fissato per il 2 aprile il Riesame per Fabrizio Scarcella, il legale tarantino arrestato nell’ambito dell’inchiesta che ha visto finire in carcere anche il giudice Pietro Vella. Il legale arrestato con l’accusa di concussione in concorso con il magistrato ha presentato ricorso al Tribunale del riesame. I suoi difensori, avvocati Luca Balistreri e Franco De Feis, hanno infatti depositato il ricorso avverso all’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal gip del Tribunale di Taranto Martino Rosati.

Gli avvocati esporranno le loro motivazioni al fine di ottenere l’annullamento dell’ordinanza. Scarcella e Vella sono indagati dopo l’arresto dei Carabinieri, in flagranza di reato. Il blitz dei militari dell’Arma è scattato conclusione di un’indagine avviata in seguito alla denuncia di un imprenditore di una stazione di servizio. Ad incastrare giudice e avvocato una microcamera nascosta, un registratore e le banconote da consegnare nelle mani dell’avvocato. Il prezzo che un imprenditore avrebbe dovuto pagare per “aggiustare” una causa per di 8.000 euro: tanti ne avrebbe chiesto il legale dello stesso imprenditore, Scarcella appunto, per garantire una sentenza favorevole firmata da Vella. In sede di interrogatorio, Scarcella ha respinto tutte le accuse facendo riferimento a delle circostanz che lo avrebbero indotto a “fare qualcosa” per il magistrato. Anche Vella ha respinto le accuse, sostenendo di non aver preso i soldi, ma di aver preso le distanze riponendo la busta nel vano portaoggetti dell’auto. I legali del giudice Vella, avvocati Carlo e Claudio Petrone, hanno deciso invece di non ricorrere al Riesame, e studiano le prossime mosse da attuare per il loro assisto. Intanto avvocato e magistrato sono in carcere. Il giudice ha ritenuto che ci sia la presenza dei gravi indizi di colpevolezza sia il rischio di inquinamento probatorio. Ma la vicenda potrebbe avere ulteriori sviluppi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche