Cronaca

Vendemmia fraudolenta, rubano uva pregiata. Quattro ai domiciliari

Beccati subito dopo aver caricato l'uva sul carrello di un'auto


Rubano uva pregiata. Finiscono in manette. 

Quattro persone sono state arrestate dai carabinieri dell’Aliquota Radiomobile di Manduria che, verso le 21 dell'altra sera, eseguivano una perlustrazione nelle campagne di contrata “Perose” in agro di Sava.

I militari hanno notato un’Audi SW di colore scuro al quale era vincolato un carrello appendice carico d’uva. Con l’ausilio di un’altra pattuglia, fatta giungere sul posto, i carabinieri hanno bloccato il mezzo, a bordo del quale viaggiavano quattro uomini, tutti di Sava, i quali avevano ancora gli indumenti, le scarpe e le mani sporche di terra e di mosto.

All’interno del portabagagli avevano riposto le forbici per la potatura e le tinozze in plastica utilizzate per la “vendemmia fraudolenta”. Dopo tentativi di depistaggio, i malviventi – che in un primo momento riferivano di aver vendemmiato in un terreno di loro proprietà – hanno ammesso di aver sottratto l’uva in un terreno di contrada “Scerza”, sempre a Sava, a circa cento metri dal luogo del
controllo.

Accompagnati presso la caserma della Compagnia di Manduria, C.F., 35enne, C.A., 27enne, M.D., 36enne, tutti incensurati, e Benito Calò, 78enne, pregiudicato, sono stati arrestati per concorso in furto aggravato, e su disposizione del pm di turno, sottoposti agli arresti domiciliari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche