27 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 27 Settembre 2021 alle 17:59:00

Cronaca

Manifesto selvaggio. Multe salate


TARANTO – Manifesti elettorali appiccicati nei posti più impensabili da squadre di “attacchini” che agiscono con il favore delle tenebre. La campagna elettorale è cominciata da un pezzo e la città assiste attonita all’affissione dei manifesti elettorali dei candidati al Consiglio comunale. Secondo le previsioni saranno più di quaranta le liste che si presenteranno alle elezioni del 6 e 7 maggio. Una cifra che fa lievitare il numero complessivo dei candidati che dovrebbe oltrepassare senza troppe difficoltà la fatidica soglia dei mille.

Ma per stanare e punire gli amanti del “manifesto selvaggio” è già pronta la controffensiva della Polizia Municipale. Un mese prima della tornata elettorale, quindi dal prossimo 6 aprile, partirà il servizio di vigilanza. “In questi giorni saranno installate le plance elettorali – spiega il capitano Cosimo Tomai. Successivamente partirà il servizio di vigilanza. Saranno attivate alcune squadre per effettuare il servizio di deaffissione. Una volta individuato il manifesto abusivo sarà ricoperto”. Multe salate per i candidati che decideranno di avventurarsi nell’affissione abusiva di poster elettorali. “Inoltriamo il verbale per l’affissione abusiva di propaganda elettorale alla prefettura che procede alla sanzione. Le multe vanno da 103 euro a 1.032 euro per ogni manifesto abusivo”. Ovviamente, non sempre si riesce a pizzicare gli “attacchini”. “Esiste la responsabilità del committente – afferma il capitano della Polizia Municipale – e quella di chi affigge il manifesto. Le sanzioni sono le stesse. Ovviamente, se non si dovesse riuscire a cogliere sul fatto chi affigge, la sanzione sarà unicamente elevata ai committenti”. La campagna elettorale si preannuncia infuocata. I furbetti del manifesto sono avvisati.

Fabio Mancini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche