18 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 18 Aprile 2021 alle 12:17:53

Cronaca

“Dammi subito i soldi o sono botte”


TARANTO – “Dammi i soldi o ti riempio di botte”. Una pensionata è finita nel mirino di un rapinatore, ieri sera, nell’androne del palazzo in cui abita, in via Cesare Battisti. Erano le 21 quando la vittima, che ha settantasei anni, è stata rapinata da un malvivente che non era armato ed era a volto scoperto. Gli agenti della Squadra Volante e della sezione Falchi sono intervenuti in via Cesare Battisti, dopo la segnalazione della sala operativa della Questura, poiché un’anziana era stata vittima di una rapina ad opera di un giovane.

I poliziotti una volta sul posto hanno accertato, dalle dichiarazioni fatte della malcapitata, che circa mezz’ora prima, mentre attendeva l’ascensore all’interno dello stabile in cui abita, è stata avvicinata da un giovane alto circa un metro e ottanta, ben vestito, e senza alcuna inflessione dialettale, il quale l’ha minacciata intimandole di consegnargli la borsa. La donna senza opporre resistenza ha consegnato la borsa al giovane, il quale ha prelevato dal suo interno due portamonete contenenti la somma di 85 euro. Dopo averle restituito la borsa il rapinatore si è dileguato a piedi nelle vie limitrofe facendo perdere le proprie tracce. Sono in corso indagini da parte degli investigatori della Squadra Mobile per risalire all’autore della rapina. E’ stato già tracciato un identikit del malfattore. Si tratta dell’ennesimo episodio avvenuto in città e che ha visto, purtroppo, vittima una anziana. Nelle settimane scorse altre donne erano finite nel mirino mentre si trovavano nel centro del capoluogo. Ora i malfattori si sono spostati verso la prima periferia. Prediligono colpire mentre le vittime si trovano negli androni dei palazzi in cui abitano. Minacce pesanti e via con i portafogli dei malcapitati ai quali, poi, non rimane altro che dare l’allarme alle forze dell’ordine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche