23 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 23 Settembre 2021 alle 21:06:00

Cronaca

Se ne andava in giro armato. In manette


TARANTO – Se ne andava in giro armato. Una pistola in auto, pronta a sparare. Michele Grimaldi, trentenne tarantino, ieri pomeriggio è stato arrestato dai carabinieri dell’Aliquota operativa della Compagnia di Taranto. Intorno alle 16 i militari in borghese del Comando provinciale lo hanno fermato mentre in macchina percorreva una via del rione Salinella. Hanno perquisito la vettura e nel posacenere hanno rinvenuto una pistola marca Beretta calibro 6.35 con matricola limata e completa di caricatore con all’interno 7 cartucce.

L’arma sarà sottoposta a perizia balistica per accertare se sia sta usata in episodi criminosi avvenuti in città. Gli investigatori dell’Arma indagano per accertare se il giovane girasse armato per difendersi da qualcuno. Michele Grimaldi dopo una sosta negli uffici del comando provinciale di viale Virgilio è stato trasferito nella casa circondariale di Largo Magli, a disposizione del magistrato di turno. E’ il terzo arresto, per armi, compiuto dalle forze dell’ordine nel giro di un paio di settimane. Giovedì scorso erano stati i “falchi” della Squadra Mobile a sequestrare in un casolare abbandonato della città vecchia due pistole, pronte per l’uso, e ad arrestare un altro trentenne, presunto custode delle armi. Il blitz in vico Serafico dove il giovane era stato visto scavalcare un muro di cinta di un edificio abbandonato. Lo avevano bloccato mentre nascondeva qualcosa sotto delle masserizie. Nel corso dell’operazione gli agenti avevano rinvenuto una calibro 9 e una calibro 6.35, entrambe con matricola limata e con proiettili del caricatore. La settimana precedente un altro giovane tarantino era stato arrestato per una pistola, al termine di un inseguimento iniziato nel borgo antico. Erano stati i militari della Guardia di Finanza a bloccare un ventiseienne e a trovarlo in possesso di una pistola calibro 6.35 con quattro proiettili nel caricatore, pronta per l’uso. Quattro pistole, quindi, sequestrate nel giro di due settimane da Carabinieri, Polizia e Guardia di Finanza che in questo periodo stanno facendo pressing nei confronti della mala locale. Troppe armi in giro in città e i sequestri eseguiti tra la Città Vecchia e il rione Salinella lo confermano. Purtroppo nei mesi scorsi si sono registrati agguati ai danni di persone note per la loro appartenenza agli ambienti della criminalità che gestisce gli affari illeciti sul territorio jonico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche