Cronaca

Il racket torna a colpire: bomba prima dell’apertura

Un ordigno è stato fatto esplodere davanti alla saracinesca di una paninoteca che non è stata ancora inaugurata. Indagano i carabinieri


CAROSINO – Bomba prima dell’apertura.

Un ordigno di basso potenziale, confezionato con due grossi petardi, è stato fatto esplodere, la scorsa notte, davanti alla saracinesca di una paninoteca che non  è stata ancora inaugurata.

E’ accaduto intorno all’una, in via Mazzini. La deflagrazione ha provocato danni solo alla saracinesca del negozio. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della Stazione di San Giorgio Jonico i quali hanno avviato le indagini per identificare gli autori dell’atto intimidatorio e per accertare il movente. Tornano gli attentati a Carosino ai  danni di esercizi commerciali.

All’inizio dell’anno era finito nel mirino un disco-pub. 

Ignoti avevano appiccato il fuoco alla  struttura in legno situata all’esterno danneggiando parzialmente anche l’interno del locale. Anche in quella circostanza erano intervenuti i carabinieri. Nell’area a cavallo tra Carosino e San Giorgio Jonico è lunga la striscia di attentati. Un anno prima un incendio era stato appiccato  ad un chiosco di San Giorgio Jonico.

E proprio nei giorni scorsi un  attentato incendiario è stato compiuto ai danni del sindaco. Ignoti hanno dato fuoco a due  pneumatici posti davanti alla porta d’ingresso dell’abitazione e al garage del primo cittadino. Le fiamme hanno provocato pochi danni. Marciapiedi, infissi e portone anneriti dal fumo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche