17 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 17 Aprile 2021 alle 18:16:49

Cronaca

L’auto finisce nella scarpata sulla A 14. Feriti due coniugi di Crispiano

Incidente nella notte nei pressi del casello autostradale di Trani


CRISPIANO – Paura la notte scorsa sull’A14, direzione Taranto, nei pressi di Trani, dove, intorno alle 3,30, si è verificato un incidente stradale che ha coinvolto una coppia di coniugi di Crispiano.

Molto complesse si sono rivelate le operazioni di soccorso. Ci sono infatti voluti oltre 30 minuti di intervento di Vigili del Fuoco e soccorritori per estrarre una donna 43enne dalle lamiere dell'autovettura sulla quale viaggiava questa notte e finita in una scarpata sulla Autostrada A14 nei pressi del casello di Trani in direzione Bari.

La donna, trasportata in codice rosso al Pronto Soccorso dell'Ospedale "Bonomo" di Andria non in pericolo di vita, era a bordo di una Passat grigia con alla guida il suo coniuge, un uomo 48enne, trasportato a sua volta in codice giallo sempre nel nosocomio andriese.
Entrambi i coniugi di Crispiano erano di rientro nella città d'origine quando, attorno alle 3.30, l'autovettura è terminata nella scarpata di bordo strada superando anche le barriere di protezione.

Incidente definito autonomo, da una prima ricostruzione della Polizia Stradale intervenuta sul posto, per coordinare le operazioni di soccorso. Sul posto, complesso l'intervento dei vigili del fuoco che hanno estratto dalle lamiere la donna, rimasta incastrata dopo l'impatto, assieme alle due equipe del 118 rispettivamente la "Mike 12" di Trani e l'"India 5" di Andria 2. Anche se gravi, le condizioni della donna sarebbero sotto controllo da parte dei sanitari.

Non siu ferma, dunque, la lunga striscia di incidenti stradali in Puglia, dove, proprio ieri, altre due vittime si sono aggiunte alla lista nera: un 41enne di Torre Santa Susanna, finito contro il guard-rail della superstrada Brindisi-Lecce, e la 26enne Emanuela Cianci, morta a Muro Leccese dopo lo scontro con un pullmino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche