x

21 Maggio 2022 - Ultimo aggiornamento il: 21 Maggio 2022 alle 06:42:03

Cronaca

Matteo Renzi: Salviamo l’Ilva di Taranto

Il premier: L’acciaieria pugliese come Termini Imerese e l’Ast di Terni


Dalle mitiche tre “I” di Berlusconi (inglese, informatica, impresa) alle tre “T” di Matteo Renzi. Termini Imerese, l’Ilva di Taranto e l’Ast di Terni “sono le tre ‘T’ di cui bisogna subito occuparsi insieme” ha detto il presidente del Consiglio durante la riunione con i sindacati e anticipato dalle agenzie che hanno registrato le testimonianze al termine dell’incontro avvenuto a Palazzo Chigi.

Sugli ammortizzatori sociali il premier Renzi ha assicurato che nella Legge di Stabilità sarà inserita una quota aggiuntiva di 1,5 miliardi
di euro per estenderli in futuro. All’incontro erano presenti il premier Renzi, il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Delrio, e i ministri del Lavoro e delle Politiche sociali, Poletti, dell’Economia Padoan, della Pubblica Amministrazione Madia.

In rappresentanza dei sindacati erano presenti i leader di Cgil, Cisl, Uil e Ugl, Camusso, Furlan, Angeletti e Mancini.

Insomma, l’Ilva resta in cima ai pensier del premier, pronto a benedire quello che viene considerato come l’ormai certo passaggio dell’acciaieria più grande d’Europa ad ArcelorMittal, gigante franco-indiano, con una quota a Marcegaglia a garantire il concetto di ‘italianità’. I compratori dovrebbero evitare, tramite la formazione di una newco, rogne di natura giudiziaria. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche