16 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 16 Aprile 2021 alle 18:03:30

Cronaca

Droga ai Tamburi. Nella notte scatta una nuova retata


TARANTO – Spaccio di droga ai Tamburi, nuova retata nella notte per riportare in carcere gli indagati che erano tornati liberi, per un vizio di forma, nell’ambito dell’operazione “Monkey Business”. I carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Taranto hanno notificato quarantaquattro ordinanze di custodia cautelare emesse dal giudice delle indagini preliminari del Tribunale di Lecce, il dottor Vincenzo Brancato, su richiesta del sostituto procuratore della Direzione Distrettuale Antimafia, il dottor Alessio Coccioli.

Le ordinanze scaturiscono dall’attività d’indagine condotta dai carabinieri dell’Aliquota Operativa della Compagnia di Taranto e si rifanno allo stesso provvedimento eseguito lo scorso 19 marzo, durante l’operazione denominata “Monkey Business”. Le nuove ordinanze si sono rese necessarie per sanare i vizi di forma che avevano colpito le precedenti, annullate dai giudici del Tribunale del Riesame salentino, facendo scattare la scarcerazione di ventiquattro indagati. Il Riesame aveva annullato i provvedimenti restrittivi in quanto il gip non aveva specificato le esigenze cautelari per ogni singolo indagato. Per contenere il concreto pericolo di fuga, già nei giorni scorsi alla maggior parte degli indagati era stato notificato il fermo di polizia giudiziaria, con il conseguente rientro immediato in carcere, mentre per Pietro e Michele Caforio, Pietro Scialpi, Francesco Galileo, Arcangelo Fago, Cosimo Nigro e Marisa Marangione, che avevano ottenuto la libertà, la notte scorsa si sono riaperte le porte della casa circondariale di Largo Magli. Il blitz era scattato il 19 marzo scorso dopo che gli investigatori dell’Arma attraverso ad intercettazioni, servizi di appostamento e sequestri di sostanze stupefacenti, avevano incastrato un gruppo che gestiva una vera e propria centrale dello spaccio che riforniva tossicodipendenti provenienti dagli altri quartieri cittadini ma anche da altre regioni. Nel collegio di difesa tra gli altri, gli avvocati Salvatore Maggio, Maurizio Besio, Andrea Silvestre, Gaetano Vitale, Antonio Mancaniello, Giuseppe Lecce e Pietro Putignano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche