20 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 20 Aprile 2021 alle 08:05:06

Cronaca

“Cozze, nessun allarme”


TARANTO – “L’area in cui è accaduto l’incidente non è quella in cui saranno trasferiti i filari, anzi è decisamente lontana. Quindi su questo non c’è pericolo. Certo, le operazioni di bonifica devono essere rapide, perché altrimenti potrebbe esserci il rischio che le correnti possano far arrivare il greggio sino alle aree che sono state individuate per il trasferimento. Ma credo che questo sia stato scongiurato, ormai”. Sulla vicenda della East Castle, e dello sversamento di nafta in mare, è Mimmo D’Andria (Ascom Confcommercio) a interpretare il pensiero dei mitilicoltori tarantini, in procinto di trasferirsi proprio in mar Grande dal primo seno di mar Piccolo, a causa dell’emergenza diossina & pcb scoppiata in estate.

“Il vero problema è l’impatto che una vicenda come questa può avere, a livello diciamo così d’immagine, fuori dai confini del nostro territorio” nota Egidio D’Ippolito (Pemios). “Il fatto che tutti i media nazionali abbiano associato le parole ‘disastro ambientale’ a mar Grande getta un’altra ombra sul nostro prodotto: chi non conosce la geografia di Taranto rischia di fare confusione” chiosa D’Ippolito. Intanto, mentre la prossima settimana prenderà il via – salvo ulteriori slittamenti – il trasloco delle coltivazioni di mitili, sono proseguite per tutta la notte le operazioni di raccolta degli idrocarburi sversati dalla East Castle. La nave battente bandiera panamense era giunta a Taranto per caricare coils. Il mercantile resta detenuto in porto, praticamente sotto sequestro, dove è attraccato al terzo sporgente. Le operazione di raccolta del prodotto finito in mare sono comunque in stato avanzato, e viene ormai definito ‘scongiurato’ il rischio di un disastro ambientale che avrebbe potuto essere devastante per mar Grande e, in generale, per la città. E’ stimato in 36 metri cubi il quantitativo di materiale raccolto ininterrottamente da mercoledì notte dai tecnici dell’Ecotaras, la società tarantina specializzata in operazioni di messa in sicurezza del mare in caso di incidenti. Una volta che le operazione saranno ultimate, si aprirà anche la partita dei risarcimenti. Il comandante e il capo macchina della East Castle saranno denunciati per inquinamento e per danneggiamento ambientale.

G.D.M

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche