06 Dicembre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 05 Dicembre 2020 alle 16:02:00

Cronaca

“Inquini e spendi meno creando nuova occupazione”

La presentazione dell’iniziativa in programma martedì presso la Sala degli Specchi del Comune di Taranto


Raccolta differenziata: Inquini meno, spendi meno, crei nuova occupazione. Si è tenuta nei giorni scorsi la presentazione dell’iniziativa in programma domani alle 16.30 presso la Sala degli Specchi del Comune di Taranto.

I relatori dell’iniziativa saranno la coordinatrice del movimento civico “Le tre A per la Bellezza Legalità Lavoro” Mary Luppino e l’assessore all’ambiente di Ponte nelle Alpi, Comune più Riciclone d’Italia, Ezio Orzes.

Previsti gli interventi di numerosi sindaci ed assessori del territorio. “Si tratta – afferma la coordinatrice Mary Luppino – di un’iniziativa che si pone come obiettivo quello di mettere a disposizione della nostra città e del nostro territorio un progetto da cui tutti possiamo ricavarne benefici in termini economici, ambientali e di sbocchi occupazionali. Fare una raccolta differenziata seria è un progetto in cui tutti i cittadini, parrocchie e associazioni di categorie devono essere coinvolti, in questo modo avremmo un beneficio economico, vedendo diminuire la tassa sui rifiuti, avremmo un miglioramento dal punto di vista ambientale, perché porteremmo meno rifiuti in discarica e non ultimo riusciremmo a creare nuovi posti di lavoro. La gestione virtuosa dei rifiuti che in tante regioni e città italiane sono già una realtà importante è la strada che ci farebbe da subito sentire cittadini protagonisti del cambiamento che vogliamo per la nostra città dove sono sentiti in maniera drammatica la questione ambientale e quella occupazionale. I rifiuti sono da considerare una risorsa, durante l’iniziativa parleremo di come trasformarli in risorsa e lavoro -preannuncia l’assessore all’ambiente di Ponte nelle Alpi, provincia di Belluno, Ezio Orzes e membro del Consiglio direttivo dell’associazione nazionale Comuni Virtuosi la scelta di continuare a portare i rifiuti in discarica è una scelta che non ci possiamo più permettere”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche