Cronaca

Bus ‘gemelli’ e doppia fila selvaggia: “attendere prego”

San Vito: lamentele e suggerimenti sul servizio pubblico


La segnalazione arriva da San Vito. E, insieme alla denuncia di un servizio pubblico da organizzare meglio, c’è anche qualche suggerimento.

A scrivere a Taranto BuonaSera è un residente di San Vito: “usufruisco quando capita delle linee che coprono questa zona, ma proprio non capisco perché dato che ci sono due linee che fanno quasi lo stesso percorso, il 20 ed il 28 in un verso ed il 21 ed il 27 nell’altro, debbano passare sempre una dietro l’altra a distanza sì e no di 5 minuti al massimo e poi per le corse successive bisogna aspettare se tutto va bene dai 35 ai 45 minuti. Ripeto, se tutto va bene. Perché non alternare invece le due linee ad intervalli di 15/20 minuti di maniera da non esasperare l’attesa per chi, per esempio, da San Vito deve andare a Taranto?” Sarebbe anche un modo per incentivare i tarantini a servirsi dei mezzi pubblici. “Non è da sottovalutare il fattore ‘attesa’ dato che il tempo è danaro. Avendo un servizio più puntuale e celere anche gente come me automunita vedrebbe come conveniente viaggiare sui mezzi pubblici magari per andare a lavoro, riducendo consumi di carburante ed inquinamento e favorendo la società stessa con maggiori proventi”.

“Altra considerazione, anche se questa forse dovrei rivolgerla agli addetti al traffico, è la decisione di creare forse troppe corsie preferenziali per i bus e i taxi, dato che purtroppo viviamo in una città dove c’è uno scarso senso civico. A causa dei parcheggi in doppia o terza fila riservare uno spazio così considerevole ai mezzi pubblici provoca un traffico davvero insopportabile e perdite di tempo inaudite. Sarebbe a questo punto meglio lasciare alcune vie interamente alla circolazione di mezzi pubblici.
Ad esempio invece della corsia di corso Umberto sarebbe meglio destinare interamente via Pitagora ai mezzi pubblici, oppure invece dell’insopportabile corsia sulla ringhiera, sarebbe meglio creare una terza corsia alla discesa vasto (e di spazio ce n’è ) e creare lì il doppio senso per i mezzi pubblici e così si potrebbe fare in tutte le strade della città”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche