24 Ottobre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 24 Ottobre 2020 alle 07:06:06

Cronaca

PeaceLink: “Prima delle bonifiche deve essere fermato l’inquinamento Ilva”

L'intervento di Alessandro Marescotti che annuncia di aver consegnato tutta la documentazione alla Procura


Prima di avviare le bonifiche vanno individuati e perseguiti gli inquinatori: a sostenerlo è il presidente di Peacelink Taranto Alessandro Marescotti, che annuncia al nuovo Commissario per gli interventi urgenti di bonifica di Taranto, Vera Corbelli, di aver consegnato tutta la documentazione alla Procura della Repubblica.

«In sostanza – aggiunge l’ambientalista – il rischio è che si avviino lavori di rimozione del terreno per la bonifica dei Tamburi modificando lo stato dei luoghi e impedendo l’accertamento delle responsabilità degli inquinatori. Ricordiamo che le risorse che si stanno utilizzando per i lavori sono pubbliche e che quindi non stiamo applicando il principio 'Chi inquina paga'. Aggiungiamo che ciò, oltre ad essere una violazione di una norma, è anche una scelta assurda in un periodo in cui le risorse pubbliche sono ancora più scarse del solito».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche