Cronaca

Anm, cambio al timone. Carbone lascia a Carriere


TARANTO – Cambio della guardia al vertice della sottosezione ionica dell’associazione nazionale magistrati. Il giudice Maurizio Carbone, infatti, ha lasciato il suo incarico. E l’assemblea al suo posto ha nominato all’unanimità il giudice Pompeo Carriere. Nell’assemblea che si è tenuta ieri il presidente Maurizio Carbone si è dimesso dal suo incarico in ragione della recente nomina a segretario nazionale dell’associazione magistrati. Un passo necessario per il dottor Carbone chiamato all’incarico a livello nazionale, che arriva un anno prima della naturale scadenza del suo mandato locale.

Carbone, peraltro era al suo terzo incarico. Dopo il primo biennio di lavoro, infatti, era stato per due volte riconfermato alla guida della sottosezione tarantina. Al suo fianco proprio Pompeo Carriere, segretario nei primi due mandati, a cui ieri l’assemblea ha affidato le redine della sottosezione. Il suo mandato ora si concluderà nel 2014. Segretario è stato confermato il giudice Filippo Di Todaro. “Sono gratificato dalla stima dei miei colleghi – ha commentato Carriere – e sono consapevole dell’importanza del mio incarico in un momento delicato per la magistratura e in particolare per quella di Taranto. Per quanto mi riguarda continuerò a percorrere la strada dell’apertura alla comunità privilegiando la collaborazione con scuole e associazioni”. Proprio il dialogo con la società civile ha caratterizzato il quinquennio al timone del giudice Carbone. Un dialogo improntato al desiderio di diffondere nella nostra città e nella nostra provincia la cultura della legalità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche