Cronaca

Incidenti allo stadio durante Manduria-Otranto. Emessi sei Daspo

La decisione del questore di Taranto Enzo Giusppe Mangini


MANDURIA – Il questore di Taranto Enzo Giusppe Mangini ha emesso 6 provvedimenti Daspo nei confronti di altrettanti persone in relazione agli incidenti avvenuti il 16 novembre scorso allo stadio di Manduria.

Nel corso del secondo tempo dell’incontro di calcio Manduria Sport-Otranto, alcuni esponenti ultrà  della tifoseria locale, accesero dei fumogeni di colore verde. Ne scaturì un violenta rissa tra opposte fazioni della stessa tifoseria, prontamente sedata dal personale del Locale Commissariato presente allo stadio, che riuscì in breve tempo ad isolare i più esagitati. Quando gli animi sembravano essersi calmati un tifoso manduriano già sottoposto a Daspo, presente sugli spalti,  intervenne in maniera decisa, in aiuto di altri due suoi compagni, che erano stati fermati dagli agenti, con il chiaro intento di sottrarli all’identificazione. Inoltre alla fine della partita un altro tifoso già sottoposto a numerosi Daspo, affacciato ad un balcone di uno stabile immediatamente prospiciente lo stadio inveiva e minacciava sia i dirigenti della locale Squadra di Calcio che  i poliziotti del Commissariato.

Al termine degli immediati accertamenti, gli agenti denunciarono in stato di libertà cinque giovani per rissa aggravata, di cui uno anche per resistenza  a pubblico ufficiale, e un altro, quello affacciato al balcone, per violazione alla legge contro la violenza negli Stadi.

Nella giornata di ieri inoltre il Questore di Taranto, ha emesso nei loro confronti i relativi provvedimenti Daspo. Valutando le relative responsabilità delle persone segnalate e in precedenza già denunciate, sono stati emessi i seguenti provvedimenti: 3 Daspo delle durata di 1 anno; 1 Daspo delle durata di 3 anni; 1 Daspo delle durata di 6 anni ed per il tifoso già gravato da simile provvedimento che nella vicenda come detto era  affacciato al balcone minacciando dirigenti e agenti della  Polizia di Stato un Daspo di anni 7.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche