Cronaca

Cimitero, il Comune mette la gestione sotto accusa


TARANTO – “Nessuna chiarezza è stata fatta dal Tar sulla legittimità delle azioni compiute dalla Erregiesse nella costruzione e gestione del nuovo cimitero di Talsano”. E’ quanto si legge in una nota del dirigente comunale dei Lavori Pubblici Aniello Moccia in riferimento alla pronuncia del Tar. I giudici del Tribunale Amministrativo di Lecce hanno accolto la proposta di sospensiva chiesta dalla società contro le tre ordinanze di demolizione proprio a firma del dirigente del Comune.

“Seppur la sezione terza del Tar Lecce ha accolto la inchiesta di adozione di misure cautelari sull’annullamento delle ordinanze – scrive Moccia – non ha espresso nessun giudizio di merito sulla legittimità o meno dei provvedimenti impugnati, nè sulla condotta tenuta dalla Erregiesse nella costruzione e gestione del nuovo cimitero di Talsano; ciò risulta chiaro dalla lettura delle motivazioni delle ordinanze del Tar che nell’accogliere la richiesta cautelare, motiva nel modo che segue: “ritenuto che la necessità di un compiuto esame delle problematiche poste dal ricorso, rendono opportuna la sospensione degli effetti del provvedimenti medesimo al fine di riservare al collegio, nel merito, una valutazione re adhuc integra della causa” rinviando per il merito all’udienze del 13.12.2012”. Aniello Moccia mette in risalto le criticità sollevate per il cimitero di Talsano: “Nessuna chiarezza è stata fatta dal Tar sulla legittimità delle azioni compiute dalla Erregiesse nella costruzione e gestione del nuovo cimitero di Talsano. Inoltre si palesa che gli atti posti in essere fino ad oggi dall’Amministrazione comunale nei confronti della Erregiesse srl, sono dovuti ai gravi e reiterati inadempimenti da essa compiuti nella gestione e costruzione del nuovo cimitero di Talsano che hanno anche determinato la risoluzione di diritto del contratto di concessione in questione”. In conclusione il dirigente assicura: “Non vi è alcun intento persecutorio da parte dell’Amministrazione comunale ma solo il perseguimento dell’obiettivo di ripristinare la legalità all’interno della costruzione e gestione del nuovo cimitero di Talsano, al fine di tutelare il superiore interesse alla trasparente e corretta gestione della cosa pubblica e della tutela dei diritti dei cittadini di Taranto, precisando che, al riguardo è anche in corso una indagine della Magistratura Penale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche