Cronaca

Il Senato accoglie il grido di dolore degli autotrasportatori

Confartigianato sulla legge di stabilità


Sono più di 30 i Senatori che hanno condiviso e appoggiato gli emendamenti alla Legge di Stabilità 2015 che l’Associazione degli Autotrasportatori Artigiani ha presentato pochi giorni fa a Palazzo Madama.

“Delle cinque proposte presentate per la riforma del Settore – ha affermato Amedeo Genedani, presidente nazionale di Confartigianato Trasporti – nessuna è stata dichiarata inammissibile e questo è un ottimo risultato”.

“Siamo soddisfatti soprattutto perché siamo riusciti a rimettere in discussione due questioni che altrimenti sarebbero state cancellate dalla normativa – ha sottolineato il presidente – e parliamo dei costi di esercizio e dell’azione diretta, due punti fondamentali della nostra battaglia per non far morire l’autotrasporto”.

Una azione fondamentale è stata svolta dai territori che hanno lavorato con gli eletti a Palazzo Madama, rapportandosi quotidianamente con loro, rappresentando di fatto le difficoltà delle migliaia di imprese e dei loro dipendenti. La mobilitazione ha interessato il territorio di Taranto dal quale è stato lanciato l’allarme per seicento imprese del settore che con il testo attuale della legge vengono messe a rischio.

Per Confartigianato Trasporti “è ancora presto per vedere i frutti di questa azione anche se i senatori di tutti i Partiti, dal Pd, passando per Forza Italia, Nuovo Centro Destra, Lega fino ad arrivare al Misto, hanno ben compreso come in gioco non ci siano solo i finanziamenti ma l’identità stessa dell’autotrasporto artigiano”.

“Gli autotrasportatori hanno ancora i motori accesi – ha concluso Genedani – e con senso di responsabilità sono impegnati nella consegna delle merci affinché gli italiani possano trascorrere il Santo Natale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche