25 Ottobre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 25 Ottobre 2021 alle 06:45:36

Cronaca

Furto di rame all’Ilva, presi

Avevano già accatastato i cavi di “oro rosso” all’esterno dello stabilimento siderurgico. Sequestrati gli arnesi da scasso


Tentano di rubare rame all’interno dell’Ilva: denunciati.

Nella tarda serata di ieri, i poliziotti della Squadra Volante hanno denunciato in stato di libertà due persone di nazionalità rumena, rispettivamente di 36 e 19 anni. Prima della mezzanotte è giunta alla sala operativa della questura  una segnalazione da parte degli addetto alla vigilanza interna dell’Ilva, i quali hanno riferito di aver sorpreso all’interno dello stabilimento due persone, intente a tranciare con una grossa tronchese alcuni cavi di rame di proprietà di una ditta che opera all’interno del colosso siderurgico. Giunti sul posto i poliziotti hanno identificato i due  e hanno eseguito nel contempo un sopralluogo accertando che  avevano già sistemato mucchi di cavi di rame appena trafugati all’esterno del muro di cinta dell’Ilva.

Gli arnesi rinvenuti sul posto e utilizzati dai due  rumeni  sono stati sequestrati, mentre la refurtiva sarà restituita al legittimo proprietario. Intanto continuano serrati in città i controlli degli equipaggi della Squadra Volante e del Reparto Prevenzione Crimine, che sono stati intensificati con l’approssimarsi delle festività natalizie. I servizi anticrimine in punti nevralgici del capoluogo e nelle zone dove maggiore  è la concentrazione di esercizi commerciali, allo scopo di prevenire rapine e furti. Sono stati sottoposti a controllo, inoltre,  detenuti in regime di arresti domiciliari numerosi circoli ricreativi. 

Nell’ambito della attività, sono state identificate 215 persone, controllate 71 autovetture e denunciate . 2 persone, rispettivamente per guida senza patente e per inosservanza degli obblighi imposti dalla Sorveglianza Speciale. Sotto sequestro anche quattro ciclomotori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche