25 Ottobre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 25 Ottobre 2021 alle 11:57:00

Cronaca

Asl, nuovi direttori generali. Lunedì le nomine

A Taranto in lizza Narracci e Rossi. Quinto dice no


BARI – In chiusura di mandato le nomine di Vendola: il veleno in coda, verrebbe da dire. La partita per il rinnovo dei manager dell’Asl è ad una svolta decisiva.

Lunedì la Giunta regionale nominerà i direttori generali delle aziende sanitarie pugliesi.

I nuovi dg resteranno in carica per tre anni. Si tratta, quindi, di una nomina a lungo termine, una circostanza che ha fatto storcere il naso a più di qualcuno, soprattutto in considerazione dell’approssimarsi della scadenza del mandato di Vendola. Il Governatore uscente, infatti, ha scelto di non essere in corsa alla prossime elezioni regionali. In ogni caso, il fondatore e leader di Sel, ha deciso di procedere alla nomina dei nuovi direttori nonostante il buonsenso avrebbe voluto che fosse il nuovo presidente e la nuova Giunta a selezionare i manager che saranno in carica per i prossimi tre anni. Sono in molti a pensare che una proroga degli attuali dg sarebbe servita a mandare avanti la gestione ordinaria delle Asl.

Del resto, l’attività amministrativa della Regione appare pressoché paralizzata da almeno un anno. Logico attendersi, in queste condizioni, una proroga degli attuali incarichi. Invece, nulla.

Ma veniamo ai nomi. Per quanto riguarda l’Asl di Taranto sembra tramontare definitivamente l’ipotesi riguardante la nomina di Pietro Quinto. A quanto pare, infatti, l’avvocato, avrebbe declinato l’invito.

In realtà, a giocarsi lo scranno più alto dell’azienda sanitaria tarantina sarebbero Ottavio Narracci, in uscita dalla direzione sanitario dell’Asl di Lecce, e Stefano Rossi, direttore amministrativo a Brindisi. Per il momento, l’unica casella certa è quella di Bari, dove dovrebbe andare Vito Montanaro (attuale direttore amministrativo del Policlinico di Bari).
Sull’argomento abbiamo ascoltato il parere dell’assessore regionale alla Sanità, Donato Pentassuglia. “La scelta di nominare i direttori generali delle Asl è per me fondamentale, perché in alcuni casi i dipendenti delle aziende sanitarie non stanno seguendo le direttive impartite dai manager in scadenza perchè aspettano i nuovi direttori. Mi auguro che lunedì si decida perchè questa è una fase delicata per la sanità – conclude l’assessore – perchè i tagli prospettati da Roma si abbatteranno sulle Regioni con un impatto devastante”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche